Addio a Maradona, il ricordo di De Paul e Musso: «Se gioco lo devo a lui ora spero solo che riposi in pace»

Diego Armando Maradona se n’è andato anche nel giorno in cui l’Udinese è stata più argentina di sempre, con sei connazionali del Pibe de Oro in campo, di cui cinque dall’inizio. Alla notizia della scomparsa del loro grande modello c’è stato un susseguirsi di post e di parole, con Rodrigo De Paul molto emozionato al ricordo espresso dopo la partita. «Maradona? Sono molto sorpreso e molto triste per questa notizia. Noi argentini siamo cresciuti con il mito di Diego ed è il motivo per cui ho voluto fare il calciatore, spero che ora possa solo riposare in pace. Il numero 10 è quello che l’ha reso grande e quando indosserò questa maglia penserò sempre a lui».



Emozione certo, ma è stata la gratitudine per quanto fatto il sentimento più riconosciuto dai bianconeri. «Grazie per tutto quello che ci hai dato. Riposa in pace», ha postato Juan Musso su Instagram , il social usato anche da Nacho Pussetto: «Riposi in pace Diego, grazie per rappresentare il sogno di tanti, sarai sempre eterno».

Anche Paulo Dybala, il grande amico di Rodrigo De Paul, ha fatto accenno all’eternità del suo ricordo. «Sarai eterno, hai portato la bandiera del nostro paese in alto. Il calcio e noi argentini non ti dimenticheremo mai. Grazie di tutto, riposa in pace». Logico che la scomparsa di Maradona abbia suscitato commozione anche nel napoletano Mandragora, che su Instagram ha postato una foto del Pibe con la maglia azzurra, commentandola con un «Leggenda eterna». Il ricordo è arrivato anche da Luca Gotti. «Faccio parte di una generazione che si è goduto il Maradona di Barcellona e dell’Argentina, ho avuto la fortuna di apprezzarne tutte le magie». —


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi