In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Incidenti in aumento del 10% guida distratta e alta velocità

2 minuti di lettura



Diminuiscono i morti in incidenti stradali (36 lo scorso anno, mentre erano stati 38 del 2018, quindi –5, 26%), ma aumentano di quasi il 10% gli incidenti (saliti da 1.190 del 2018 a 1.304 dell’anno scorso, +9, 6%) e anche i feriti (1.804, erano 1.703 nel 2018: +5, 93%). Sono i dati del Rapporto Aci-Istat sugli incidenti stradali nella provincia di Udine lo scorso anno.



Le strade urbane si confermano quelle con il maggior numero di incidenti (547 su 1.304, oltre il 41% ) con 7 vittime e un tasso di mortalità del 12, 8%, ma per fortuna tutti i dati sono in miglioramento rispetto al 2018. Le strade extraurbane e fuori dell’abitato sono teatro di 429 sinistri, in calo rispetto al 2018, ma con lo stesso numero di vittime (18). Le strade entro l’abitato evidenziano 273 incidenti e 6 vittime con un incremento del 100% rispetto al 2018. Su queste stesse strade, inoltre, sono a rischio anche i pedoni. In calo gli incidenti in autostrada: 55, ma con il più alto tasso di mortalità (90, 91%) e di gravità (47, 17%).



Aumentano, poi, sia il numero di incidenti in cui risulta coinvolto un solo veicolo (urto contro un ostacolo o un veicolo in sosta o comunque uno sbandamento per evitare l’urto, buche o animali), sia il conseguente numero di morti. La probabilità di morte per questi eventi è elevatissima e seconda sola agli scontri frontali che, tuttavia, numericamente sono molti meno.



Aumentano anche gli investimenti di pedone, un decesso in più. Complessivamente sono 141 i pedoni coinvolti lo scorso anno in un incidente e tre di loro hanno perso la vita. Per quanto riguarda le biciclette, c’è un leggero aumento del numero degli incidenti. Si registra, però, un decesso in meno. Motocicli e ciclomotori, secondo i dati raccolti da Acu, costituiscono un problema a causa dell’aumento del numero di incidenti, con un morto in più. L’indice di mortalità, rispetto ai veicoli coinvolti, per i motociclisti è quadruplo rispetto a quello delle autovetture (4, 43 morti ogni 100 motocicli rispetto a 1 per le autovetture).



Ma quando avvengono prevalentemente gli incidenti? Secondo le statistiche, è la domenica (pomeriggio) il giorno della settimana più pericoloso, ossia quando, in media, si registrano più incidenti. La fascia oraria più a rischio nella giornata rimane quella centrale dalle 10 alle 17 con il 65% del totale incidenti e la maggior parte di morti e feriti. Dopo le 21 e fino alle 6 si sono registrati 407 incidenti con 15 vittime (di cui 5 tra sabato e domenica) e 498 feriti.



Per quanto riguarda le cause, guida distratta e velocità sono all’origine della maggior parte degli incidenti mortali, seguono il mancato rispetto della segnaletica e della distanza di sicurezza per gli incidenti con soli feriti. Da registrare, poi, l’aumento degli incidenti per contromano (58 contro i 54 del 2018).



«La sicurezza stradale è il prodotto di tanti elementi, ma i dati dimostrano che è il comportamento umano la causa principale dell’incidentalità». Questa la riflessione di Maddalena Valli, direttrice dell’Automobilclub di Udine. «Guida distratta, velocità non adeguata alla circostanze e mancato rispetto della segnaletica determinano oltre l’80% di tutti i sinistri e se sono accompagnate da un veicolo in condizioni non ottimali o da una guida poco esperta o imprudente, le conseguenze possono essere drammatiche. Restano fondamentali azioni di educazione e formazione ad una guida attenta e responsabile, che ponga l’accento sull’importanza di rispettare le regole pensate a tutela di tutti. Importanti sono pure i corsi di guida sicura e difensiva, realizzati non da piloti, ma da professionisti qualificati, che assicurano il rispetto del protocollo siglato da Ministero dei trasporti, Aci e principali centri di guida sicura». Secondo Valli, anche le case costruttrici hanno contribuito ad alzare il livello di sicurezza dei veicoli, dall’Airbag, all’Abs, dall’Esp ai dispositivi acustici, dai sistemi anticollisione a quelli avanzati di assistenza alla guida. «Ma nulla più sostituirsi all’uomo che deve usare cinture, caschi, far controllare il veicolo, rendersi visibile con glia biti giusti se va in giro in bici di notte. E ricordo che non si deve usare impropriamente lo smartphone». —

I commenti dei lettori