Il bollettino: +680 positivi, 16 i decessi. Contagi anche all'Udinese, Marino: non siamo un'isola felice - Gli aggiornamenti ora per ora

✉️ Al Messaggero Veneto abbiamo deciso di attivare una nuova newsletter per fare il punto ogni settimana sul Covid. Iscriviti qui, è gratis

Aggiornamento ore 18.10. Il bollettino. Cresce la curva del contagio in Friuli Venezia Giulia. Oggi, come si legge dal bollettino diffuso dal Ministero della Salute, i nuovi casi sono 680 su 3298 tamponi processati. Molto alto il tasso di positività che sale al 20,61 per cento mentre i nuovi decessi sono 16.

I ricoverati in terapia intensiva sono 57 mentre negli altri reparti sono 620 i posti letto occupati. Qui tutti i dati.

Aggiornamento ore 17.50. Chiuso l'Amadeus Caffè a Udine. Locale multato e chiuso un giorno in via Cosattini. Sabato la polizia ha effettuato un controllo in centro e ha notato alcuni clienti dentro e fuori dall’Amadeus Caffè. Ritenendoli in “posizione” irregolare, gli agenti hanno fatto scattare la sanzione da 280 euro e disposto la chiusura. Amareggiata la titolare dello storico locale, noto in città in particolare per le sue serate di karaoke. Qui la notizia.

Aggiornamento ore 16.40. La testimonianza: "Contagiati e soli, in attesa del tampone". E alla fine la ruota della sfortuna si è fermata. Giusto davanti a te, così, senza preavviso. Un destino beffardo. Entri nel tunnel del Covid senza sapere come e perché e soprattutto quando ne uscirai. Comincia un calvario frustrante all’insegna dell’isolamento: fisico ma soprattutto interiore. Come è potuto accadere? La risposta, ovviamente, non c’è. In famiglia siamo in due e il protocollo è stato rispettato. Poi arriva la giornata no: al mattino impegno fisico tosto (l’orto da sistemare, il giardino, le piante, l’escursione in collina...), nel pomeriggio le prime avvisaglie. Stanchezza, dolori articolari accentuati. La testimonianza.

Aggiornamento ore 15.30. La riorganizzazione in ospedale a Udine. Una riorganizzazione che non conosce sosta, figlia di un’emergenza che non vuole saperne di cessare. All’ospedale Santa Maria della Misericordia i dirigenti medici hanno fatto i conti questo mese con le giornate più dure dall’inizio della pandemia, con i contagi da coronavirus che non hanno risparmiato lo stesso personale sanitario (casi di positività si sono registrati, nei giorni scorsi anche in Ostetricia, dove erano già scattati i protocolli che prevedono percorsi differenziati), già sottodimensionato rispetto alle reali esigenze. Qui il punto da Udine.

Aggiornamento delle ore 14. Bando Covid, il Catt Fvg distribuisce i 12 milioni di euro accreditati dalla Regione alle imprese. In un solo giorno di lavoro, venerdì 27 novembre, il Catt Fvg, Centro di assistenza tecnica del terziario, ha messo in fila 6.527 bonifici a favore delle imprese, distribuendo i quasi 12 milioni di euro accreditati giovedì 26 dalla Regione Fvg a valere sul bando Covid della Legge regionale 3/2020, che contiene le “Prime misure urgenti per far fronte all'emergenza epidemiologica”.

Il Catt Fvg è il soggetto unico autorizzato dalla Regione Fvg alla gestione dei canali contributivi per lo sviluppo delle micro, piccole e medie imprese commerciali, turistiche e di servizio, per il miglioramento delle strutture ricettive e a favore delle agenzie di viaggio e turismo.

Tanto più in tempi di pandemia, la sua efficienza è fondamentale per dare risposte quanto più rapide possibile alle Pmi messe in ginocchio dalla carenza di liquidità. «Il ringraziamento va alla Regione per la velocità di erogazione e a Crédit Agricole FriulAdria per averci supportato nella gestione rapida di tutti i pagamenti e garantito la gratuità dei bonifici a favore delle imprese», sottolinea il presidente di Catt Fvg Fabio Passon nel ricordare che già durante il lockdown il Centro aveva gestito le 3.030 domande del bando canoni di locazione (circa 835mila euro) e successivamente liquidato 19 milioni a quasi 15mila aziende del territorio. 

Aggiornamento delle ore 13. Quarta vittima alla casa di riposo dei sacerdoti.Un nuovo lutto ha colpito la Chiesa udinese: nella notte è mancato don Efrem Tomasini.

Fu vicario parrocchiale a Pasian di Prato prima di iniziare un lungo ministero alla guida della parrocchia di Martignacco, che ha guidato per oltre 50 anni. Monsignor  Tomasini si era ritirato da qualche anno nella Fraternità sacerdotale di Udine dove alcune settimane fa si è diffuso un contagio di coronavirus: è la quarta vittima dopo don Elia Piu, don Elio Nicli e don Giuseppe Ribis.

Aggiornamento delle ore 12. Il Covid arriva all'Udinese. L'ha annunciato in tv il direttore tecnico Pierpaolo Marino. Il virus portato da un giocatore. "Non siamo più un'isola felice". Qui la notizia.

Aggiornamento delle ore 11. Casa di riposo di Osoppo, salgono a 15 gli ospiti contagiati. Salgono a 15 le persone contagiate tra gli ospiti della casa di riposo di Osoppo. Dopo i primi 8 casi emersi una settimana fa, la direzione della struttura ha subito programmato i tamponi su tutte le 40 persone anziane che ci vivono e anche sui 26 operatori che li gestiscono. Qui l'approfondimento.

Aggiornamento delle ore 10. Il geriatra che smonta l’equivoco: I morti "col" Covid sono morti "di" Covid. «Ci dobbiamo chiedere se senza il Covid questi anziani sarebbero sopravvissuti e la risposta, nella stragrande maggioranza dei casi, è affermativa». Il direttore della Scuola di specializzazione in Geriatria dell’università di Udine, Alessandro Cavarape, non ha alcun dubbi «dire a priori è morto con e non per Covid è molto imprudente».Qui l'intervista.

Aggiornamento delle ore 9. Covid-19, in Fvg altri 25 morti. Il Friuli sabato 28 novembre ha pianto altri 25 morti contagiati dal Covid-19. Una lunga scia di dolore e di addii nelle case di riposo e negli ospedali della nostra regione. Senza alcun ultimo saluto ai propri familiari, senza l'ultimo abbraccio di un figlio, di una moglie, di un marito di un nipote. Da soli, a distanza. Ecco chi sono le ultime vittime.

Carciofi crudi, pere e gorgonzola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi