Il bollettino: i nuovi casi sono 663, i decessi 33. L'autodenuncia di Tondo: "A Natale andrò da mio figlio, abita a 4 chilometri da casa mia" - Gli aggiornamenti ora per ora

✉ Iscriviti alla nostra newsletter gratuita sul Covid19

Aggiornamento ore 20. I nuovi casi nelle strutture per anziani e in quelle sanitarie. Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 84 casi di persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari che sono risultati contagiati all'interno delle stesse strutture sono in totale 12.

Sul fronte del Sistema sanitario regionale (Ssr) da registrare nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di quattro infermieri e un medico; nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale di due infermieri e un ammnistrativo; nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un amministrativo, tre infermieri, due operatori tecnici e 3 Oss. Da rilevare anche i casi di un Oss al Cro di Aviano e di due ammnistrativi, due infermieri e un Oss al Burlo Garofolo di Trieste.

Infine, è stata riscontrata le positività al virus di una persona di rientro dall'estero (Bulgaria).

Aggiornamento ore 16.15. Il bollettino: i nuovi casi sono 663, i decessi 33. Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 633 nuovi contagi (il 12,20 per cento dei 5.190 tamponi eseguiti). Sono inoltre stati registrati 30 decessi da Covid-19, a cui si aggiungono ulteriori 3 morti pregresse inserite oggi a sistema e afferenti al periodo dal 4 al 6 dicembre: 18 in provincia di Udine, 4 nel Pordenonese, 8 in provincia di Trieste e 3 nell'Isontino.

Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 37.117, di cui: 8.387 a Trieste, 16.389 a Udine, 7.415 a Pordenone e 4.470 a Gorizia, alle quali si aggiungono 456 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione risultano essere 15.454.

Scendono a 63 i pazienti in cura in terapia intensiva mentre sono 663 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 1.122, con la seguente suddivisione territoriale: 368 a Trieste, 461 a Udine, 230 a Pordenone e 63 a Gorizia. I totalmente guariti sono 20.541, i clinicamente guariti 499 e le persone in isolamento 14.229.

 

Aggiornamento ore 13. L'autodenuncia di Tondo: "Mio figlio abita in un altro comune, andrò a Natale da lui". «Io il giorno di Natale desidero andare a pranzo da mio figlio, che abita a quattro chilometri di distanza da casa mia, in un altro comune. Ci andrò sperando che prima cambiate decisione».

Lo dice, con una «autodenuncia» nell'Aula della Camera Renzo Tondo del gruppo Misto riferendosi, durante il dibattito sulle comunicazioni del presidente del Consiglio in vista del prossimo Consiglio Ue, alle limitazioni alla mobilità per Natale contro il contagio Covid. Qui le sue parole. 

SULLO STESSO TEMA: 

Aggiornamento ore 11.30. Chiuso il bar a Pordenone. Seduti al tavolo dopo l'orario di chiusura, chiuso per cinque giorni il "Bunny Bar" di Pordenone. Nell'ambito dei servizi e dei dispositivi di vigilanza e controllo del territorio, finalizzati anche a verificare il rispetto delle disposizioni anticovid, alle ore 18.30 di ieri, martedì 8 dicembre, una pattuglia della Questura unitamente ad una pattuglia della Guardia di Finanza sono intervenuti a Pordenone, in via di Vittorio, dove in un gazebo del bar era presente un gruppo di persone sedute ad un tavolo. Qui tutto l'aggiornamento. 

Aggiornamento ore 10.30. Positivo l'infettivologo Crapis. Massimo Crapis, responsabile del servizio di malattie infettive dell’AsFo, è risultato positivo al Covid-19. Lo ha comunicato lui stesso in una diretta Facebook ieri sera.

Crapis ha parlato degli operatori sanitari, sempre più sotto pressione: «A loro va tutto il mio grazie e supporto che non sarà fattivo per qualche giorno in quanto anche io sono tra i “caduti sul fronte”, mi sono ammalato di Covid-19 – ha detto –. Cercheremo di lottare e di essere positivi nei confronti della malattia». Crapis ha detto di stare bene, ma di «non essere “in forma smagliante”». Qui le sue parole. 

LE INFOGRAFICHE INTERATTIVE. Quattordicimila contagiati e terapie intensive sotto pressione, gli esperti: a ottobre il dato è raddoppiato tre volte, ora vicini al picco 

Aggiornamento ore 10. Il piano vaccini. C’è il piano nazionale per il vaccino anti-Covid 19 dalla cui riuscita dipende certamente la qualità del futuro che ci aspetta. Sulle linee guida nazionali anche il Fvg ha definito il proprio piano di azione, sia sotto l’aspetto logistico che organizzativo che distributivo. Ma vediamo come il sistema si è attrezzato per realizzare la prima campagna di vaccinazione di massa dopo decenni. Qui tutti i dettagli sul piano vaccini in Fvg. 

Aggiornamento ore 9.30. Addio a Claudio Noacco. La sanità martedì 8 dicembre ha perso una figura storica della medicina friulana. All’ospedale di Udine, dove era ricoverato da alcuni giorni dopo essere risultato positivo al Covid, è morto il dottor Claudio Noacco, che con il professor Andrea Benedetti aveva fondato nei primi anni Settanta il Centro diabetologico del Santa Maria della Misericordia. Aveva 76 anni. Lascia la moglie Alessandra, i figli Andrea, Mariastella e Alessandro, ma a piangerlo sono anche tantissimi professionisti che hanno lavorato con lui e gli molti pazienti che ha curato migliorandone la salute. Ecco il ricordo dello storico primario di Diabetologia. 

Aggiornamento ore 9. Alla Quiete test rapidi tutti i giorni. Si mantiene alto il livello di vigilanza e protezione all’interno dell’Asp La Quiete, la più grande struttura per anziani non autosufficienti della Regione. Con oltre 500 ospiti e più di 420 persone in servizio, la necessità di tenere per quanto più possibile protetta la comunità interna è un obbligo. Per questo è stato deciso che già da questa settimana tutti gli operatori siano sottoposti quotidianamente e prima di prendere servizio al test rapido. Lo strumento, già in uso alla Quiete da diverso tempo, ha consentito di intercettare alcuni dipendenti positivi che rientravano da ferie o malattia e interrompere all’origine la possibilità di contagio interno. Qui il punto.

I DATI. Positivi, guariti e deceduti: ecco quali sono i dieci comuni più colpiti dal coronavirus in Friuli Venezia Giulia

Aggiornamento ore 8. Come si muove il contagio in Fvg. In Friuli Venezia Giulia c’è un solo comune libero dal coronavirus, quel comune è Preone. Preservato nella prima ondata come il resto della Carnia, a differenza degli altri comuni della montagna, finora Preone, 266 residenti, ha registrato un unico caso di contagio che, al momento, risulta guarito.

Sulla mappa aggiornata al 7 dicembre dalla Protezione civile regionale, Preone è l’unico comune indicato in bianco. Il resto della montagna friulana e pordenonese, invece, evidenzia gli indici di contagio più alti. Lo stesso si riscontra in provincia di Trieste, nel Cividalese con qualche comune della Bassa Friulana e in alcuni comuni della provincia di Gorizia. Qui la mappa comune per comune. 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi