In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

«Loris uno di noi!» L’addio allo stadio al “gigante buono” della Virtus Roveredo

Sulla bara la maglia della squadra, sugli spalti l’urlo degli ultras L’orazione funebre di un calciatore: «Impossibile dimenticarti...»

2 minuti di lettura





«Loris uno di noi! Loris con noi!». Una serie interminabile di applausi degli ultras e di oltre mille presenti, a Roveredo in Piano non c’era stata neanche per il più bel gol della Virtus in un secolo di campionati.

Sotto la tribuna, avvolti da cori, fumogeni e dall’odore dei mortaretti, la moglie Lucia e il figlio Davide hanno avuto in dono la maglia blu della squadra nella quale anche Davide ha militato. L’altra maglia a strisce ha ornato il feretro, assieme a un cuscino di rose rosse e al ritratto di Loris Dei Negri “Pez “, gigante buono, custode dello stadio comunale.

Loris aveva per seconda casa lo stadio. Era il “papà”, a volte ruvido ma sempre generoso, dei 25 giocatori della prima squadra protagonista nella Prima categoria, e con gli altri 120 tesserati delle squadre giovanili. Loris è stato portato via dal «Covid maledetto» come l’ha definito Mario Mazzacco, pilastro della difesa, nella sua orazione fatta a nome di tutti i giocatori.

A celebrare le esequie allo stadio il parroco don Ruggero Mazzega, con padre Simone e il diacono Lorenzo. «È un momento terribile – ha esordito il parroco – reso eccezionale da tutta la comunità in quello che era il campo che Loris custodiva per tutti. Ho buttato via tanti fogli perché oggi è difficile parlare di Loris. In questo momento tremendo, ha cambiato campo, posto e ruolo, lasciandoci il suo ricordo che porteremo per sempre con noi».

Il presidente della Virtus Franco Zanetti ha salutato la marea di gente e i rappresentanti comunali mentre ricordava Loris indossando il giubbotto della Virtus che gli aveva regalato di recente. Impossibile riportare tutti gli aneddoti raccontati da Zanetti nel suo appassionato intervento. «Loris non si limitava a tenere in ordine il terreno di gioco, i campetti e le altre strutture. Programmava – ha ricordato il presidente – tutti i lavori, suggeriva ciò che occorreva per fare degli impianti sportivi autentiche eccellenze. Mi chiamava per suggerire come fare, cosa acquistare. Io a volte rinviavo le decisioni prestando attenzione alla spese. Poi quando ritornavo da un viaggio di lavoro mi accorgevo che tutto era stato fatto a regola d’arte: chi aveva portato il materiale, altri, anche i giocatori, messo la manodopera, senza che la società dovesse pagare alcunché».

Mario Mazzacco ha tratteggiato il rapporto dei ragazzi della Virtus con Loris. «Sarà strano varcare il cancello dello stadio e non vederti più, non udire il tuo dolce “vara che te cavo la testa” quando ne combineremo una delle nostre... Eri dappertutto. Il campo, un gioiello. E poi stavi in cucina, nello spogliatoio, nei campetti minori, al chiosco... non ti fermavi mai. Per noi avresti fatto qualsiasi cosa. Sei stato l’incarnazione più riuscita del gigante buono delle fiabe. Poi – ha concluso Mario – il “maledetto” ti ha portato via. Continueremo a comportarci come ci hai insegnato. Con amore risate e lavoro hai costruito una montagna di cose e dalla vetta adesso ci guardi, mentre il tuo esempio ci guida». –



I commenti dei lettori