Contenuto riservato agli abbonati

La storia di una donna e di una targa, le guerre, i muri: ecco perchè è importante la scelta di Gorizia capitale europea della cultura

Si potrebbe cominciare dalla storia di una donna e da una targa per ricordarla, scritta in tre lingue: italiano, sloveno e tedesco, per capire perché è così importante che Gorizia e Nova Goriza abbiano appena ricevuto l’assegnazione del titolo di Capitale Europea della Cultura.

Anzi no. Non basta. E’ necessario andare con la memoria a quell’alba del 17 settembre del 1947 quando la città si è appena svegliata per il rombo dei motori delle camionette dell’esercito inglese entrate a Gorizia cariche di sacchi di calce bianca e bobine di filo spinato.

La

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Robotic Systems sfida la Tesla

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi