Contenuto riservato agli abbonati

Video negazionista nella parte sbagliata dell'ospedale, ora interviene la Regione: valutiamo denuncia e i danni

Il vicegovernatore Riccardi: «Ho mobilitato l’avvocatura per capire se vi siano i presupposti per muoversi e chiedere i danni»

PORDENONE. Passata l’indignazione, è il tempo dei fatti. Nessuno, in Regione e all’Azienda sanitaria Friuli occidentale, ha “digerito” quegli 80 secondi di video negazionista, diffusi su internet, sull’atrio deserto dell’ufficio relazioni col pubblico dell’ospedale di Pordenone (peraltro chiuso in giorno festivo), il parcheggio delle ambulanze coi mezzi in sosta e quella parola, «menzogna», usata per qualificare l’emergenza Covid e la lotta al virus nei luoghi di cura.

PER

Video del giorno

I soldati ucraini sbagliano a usare il mortaio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi