In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

La neve fa crollare il tetto della segheria

Danni all’edificio e ai macchinari per circa un milione. Il titolare: «Quest’anno avrei voluto costruire lì la nuova falegnameria»

1 minuto di lettura

villa santina

È caduta una parte di tetto del capannone ex Euroholz, ora della Segheria De Infanti, a Villa Santina. La struttura era stata realizzata dalla Euroholz come sede della propria attività. L’impresa era poi fallita.

La copiosa nevicata del 2012 aveva già fatto implodere una parte del tetto. Quando la storica Segheria Fratelli De Infanti di Ravascletto (un nome importante nel settore legno dal 1954)un paio di anni fa aveva rilevato dal fallimento il capannone, aveva riparato la porzione di tetto danneggiata, mentre l’altra parte non aveva necessitato di lavori, in quanto del tutto integra. È stata proprio quest’ultima, invece, probabilmente a causa della tantissima neve caduta a più riprese per giorni, a collassare mercoledì notte. Non c’era nessuno all’interno del capannone, dove di giorno operano dalle 4 alle 6 persone. Il tetto schiantatosi ha investito un macchinario. I danni potrebbero anche aggirarsi sul milione di euro. Ad accorgersi dell’accaduto è stato, ieri mattina, uno dei proprietari, Bjorn De Infanti, quando si è recato nel capannone. «Stamattina (ieri per chi legge)ero lì – spiega – per fare un sopralluogo perché il nostro obiettivo era trasferire nel 2021 lì l’attività della segheria di Ravascletto con la sua decina di addetti, raddoppiando se non triplicando l’attività rispetto a ora. Purtroppo abbiamo trovato l’amara sorpresa. Credo sia avvenuto tutto nella notte, perché ieri ci sono passato e la struttura era ancora integra. La stavamo utilizzando come magazzino e con dentro parte dell’impianto pronto per la nuova segheria. Alcuni macchinari si trovano dove è caduto il tetto. Il danno complessivo è ingente, ora dobbiamo quantificarlo. La neve non vuole bene a questa struttura. Già una nevicata aveva danneggiato nel 2012 un’altra parte del tetto, che abbiamo sistemato noi quando abbiamo rilevato il capannone dal fallimento. Abbiamo investito molto su di esso. Ora è successo questo. Ringrazio molto il sindaco di Villa Santina, che è venuto da noi appena l’ho chiamato e che ci è vicino. Ora dobbiamo vedere come intervenire in sicurezza. Non è caduto solo il tetto, ma anche la parte strutturale in cemento ha subito danni. Vanno analizzati bene, per procedere poi con le relative opere».

Il sindaco, Domenico Giatti, chiarisce: «Ho subito informato il vicegovernatore del Fvg Riccardo Riccardi e il dottor Amedeo Aristei, direttore della Protezione civile regionale. Se verrà riconosciuta l’emergenza a livello nazionale ci sarà anche la possibilità di aiutare l’impresa, che in questo momento è in ginocchio, perché ha circa 500-600 metri di tetto crollato. È auspicabile che il Governo riconosca l’emergenza nazionale, che darebbe la possibilità di avere un ristoro anche per i privati per danni simili». —



I commenti dei lettori