Nuovo monitoraggio, indice Rt stabile in Fvg. Ma la zona arancione non è scongiurata

Con questi dati in Fvg resterebbe in zona gialla anche con l'abbassamento dell'indice per l'ingresso in fascia arancione a 1, ma non se, come ventilato dal ministro Roberto Speranza, questo valore verrà ancorato alla valutazione di rischio complessiva che per la regione è di grado alto

UDINE. L'indice Rt della Regione resta, sostanzialmente, stabile rispetto alla scorsa settimana, ma questo non vuol dire che il Friuli Venezia Giulia non verrà inserito in zona arancione in base ai nuovi parametri che verranno decisi dal Governo e di cui si discuterà domani mattina, giovedì 13 gennaio, con i presidenti.

In base al monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità effettuato dal 4 al 10 gennaio, infatti, l'Rt regionale è pari a 0.94, cioè in leggerissima crescita rispetto allo 0.91 della settimana precedente, ma ancora più basso se confrontato con quella di Natale (0.98).

Con questi dati, dunque il Friuli Venezia Giulia resterebbe in zona gialla anche con l'abbassamento dell'indice per l'ingresso in fascia arancione a 1 - e a 1.25 per quella rossa -, ma non se, come ventilato dal ministro Roberto Speranza, questo valore verrà ancorato alla valutazione di rischio complessiva che per la regione è di grado alto.

Allo stesso tempo, inoltre, il discorso sarebbe il medesimo se oltre all'Rt si valutasse il tasso di occupazione delle Terapie intensive - ancora in crescita e sopra il tetto del 30% - e degli altri reparti, in diminuzione negli ultimi tre giorni, ma ancora abbondantemente sopra la quota limite del 40%.

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi