Contenuto riservato agli abbonati

Da venerdì per andare in Austria bisognerà registrarsi online sul sito del governo federale

Una precauzione per tracciare eventuali contagi. Prima di mettersi in viaggio sarà necessario registrarsi presso il Ministero della Salute

VIENNA. Da venerdì 15 gennaio diventa più complicato andare in Austria. Prima di mettersi in viaggio sarà necessario registrarsi presso il Ministero della Salute, compilando un apposito formulario online. Non è una misura contro gli italiani o gli stranieri in genere, ma una precauzione per tracciare più facilmente eventuali contagi. Dovranno registrarsi, infatti, anche gli austriaci che rientrano dall’estero e che già lunedì hanno ricevuto una comunicazione in tal senso dal Ministero degli Esteri (sono circa 200.000 gli austriaci residenti stabilmente all’estero, cui si aggiungono circa 2. 500 all’estero per turismo, che si erano registrati al Ministero prima di partire).

Coronavirus, nella seconda ondata otto volte più contagiati e i decessi non calano

Nel formulario, disponibile in lingua tedesca e inglese, vengono richiesti i propri dati personali, le informazioni sul viaggio (data di arrivo, data di partenza, mezzo di trasporto) e sulla quarantena obbligatoria (indirizzo in Austria dove si osserverà la quarantena). Il formulario è disponibile nel sito del governo federale austriaco, ma può essere scaricato più facilmente da quello dell’Ambasciata d’Italia a Vienna, che contiene un apposito link nella pagina intitolata “Focus Coronavirus”.


Una volta compilato il formulario e dopo averlo spedito in via telematica si riceverà per posta elettronica un documento di conferma in formato pdf, contenente un codice QR, che a un eventuale controllo di polizia consentirà di verificare l’autenticità del documento.

Verso un nuovo Dpcm, cosa ha deciso il Governo: dal fine settimana due regioni saranno rosse, altre 12 arancione

Arrivati a destinazione si dovrà osservare un periodo di quarantena di 10 giorni. Dopo il quinto giorno (considerando quello di ingresso in Austria il giorno 0) si potrà interrompere la quarantena, sottoponendosi a un test molecolare o antigenico, con esito negativo.

In pratica, a parte il nuovo obbligo di registrazione, vanno osservate tutte le misure in vigore già note. Così come restano in vigore le eccezioni anch’esse già note, che riguardano per esempio i lavori pendolari, i viaggiatori che intendono soltanto attraversare l’Austria per raggiungere un altro Paese europeo, chi entra in Austria per urgenti esigenze di famiglia (per esempio, un funerale). Quanti si trovano in queste condizioni non avranno bisogno di registrarsi e non dovranno neppure sottoporsi alla quarantena.

Contagi, ospedali e numeri della pandemia: ecco perchè il Fvg rischia la zona arancione

Va precisato, inoltre, che la registrazione è prevista soltanto per chi proviene da un Paese considerato a rischio. È una precisazione superflua per noi italiani, perché in Italia, come in quasi tutti i Paesi europei, la diffusione dell’epidemia è tale che siamo considerati tutti a rischio. L’elenco dei Paesi “sicuri” viene aggiornato quotidianamente e i nomi si contano sulle dita delle mani (ieri erano Finlandia, Norvegia, Giappone, Corea del Sud, Australia, Nuova Zelanda).

A tutela della privacy, il Ministero della Salute conserverà la registrazione soltanto per 28 giorni, per poi cancellarla.
 

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi