Il bollettino: oggi 805 casi e 25 morti, superati i duemila decessi in regione - Gli aggiornamenti ora per ora

✉️ AL MESSAGGERO VENETO ABBIAMO ATTIVATO UNA NUOVA NEWSLETTER PER FARE IL PUNTO OGNI SETTIMANA SUL COVID. ISCRIVITI QUI, E' GRATIS

Aggiornamento delle 17. Altri 60 casi di coronavirus nelle case di riposo. Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 60 casi di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari risultati contagiati all'interno delle stesse strutture sono in totale 14. Lo comunica il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Sul fronte del Sistema sanitario regionale (Ssr) da registrare nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di 4 medici, 5 infermieri, un operatore socio sanitario, una ostetrica e un tecnico; nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un medico, un infermiere, 3 operatori socio sanitari e un ausiliario; nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale di 2 medici, un infermiere e un ausiliario. Al Cro di Aviano è inoltre risultato positivo al Covid un medico. Infine, da rilevare le positività al virus di tre persone rientrate rispettivamente dalla Repubblica Dominicana, dalla Serbia e dell'Albania.

Aggiornamento delle 16.50. Il bollettino. Oggi in Friuli Venezia Giulia su 7.969 tamponi molecolari sono stati rilevati 705 nuovi contagi ai quali si aggiungono 100 casi già risultati positivi al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test molecolare, con una percentuale di positività del 10,1%.

Sono inoltre 1.804 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono stati rilevati 480 nuovi casi (26,6%). I decessi registrati sono 23, ai quali si aggiungono 2 morti pregresse afferenti al periodo tra il 5 e il 7 gennaio 2021. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 68 mentre quelli in altri reparti sono 668.

I decessi complessivamente ammontano a 2.006, con la seguente suddivisione territoriale: 495 a Trieste, 938 a Udine, 436 a Pordenone e 137 a Gorizia. I totalmente guariti aumentano a 42.494, i clinicamente guariti salgono a 1.229, mentre le persone in isolamento sono 12.127.

Da inizio pandemia i casi da tampone molecolare sono 58.592 con la seguente suddivisione territoriale: 12.158 a Trieste, 25.699 a Udine, 12.693 a Pordenone, 7.303 a Gorizia e 739 da fuori regione.

Aggiornamento delle 15.30. Gimbe: "Fvg nel quadrante delle regioni a rischio". Sono 1.063 per 100 mila abitanti i casi positivi in Friuli Venezia Giulia nel periodo che va dal 6 al 12 gennaio, un dato in peggioramento rispetto alla settimana precedente, quando erano 971 per 100 mila abitanti. A certificarlo è il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe sull'epidemia da coronavirus. Qui l'approfondimento.

Aggiornamento delle 14. Settore wedding in crisi, la proposta degli operatori: bonus per i neo-sposi.
Parte dal Friuli Venezia Giulia e si allarga velocemente a tutte le regioni italiane, per diventare un appello e una proposta di portata nazionale: il settore wedding regionale, che conta potenzialmente oltre 16 mila imprese d’eccellenza e 46 mila addetti nelle sue varie e multiformi componenti e oltre 400 mila imprese a livello italiano, dopo un anno di pesantissime difficoltà dovuto alla cancellazione della quasi totalità di matrimoni, cerimonie ed eventi correlati, prende in mano la situazione e coinvolge Camera di Commercio Pordenone-Udine e Regione nell’azione di supporto al comparto.Tra le idee quella del bonus matrimoni: qui l'approfondimento.

Aggiornamento delle 11. Agenzie di viaggio in crisi: "Ristori in ritardo".
Agenzie di viaggio sull’orlo della rovina: metà, secondo le stime dei rappresentanti di categoria, pur avendo perso sino al 95 per cento del fatturato non hanno ancora ricevuto alcun ristoro da maggio 2020.La storia dell’ultimo anno «ha dell’incredibile», premette Claudio Rupolo, coordinatore Ascom Pordenone delle agenzie di viaggio.Qui il punto della situazione a Pordenone, e la situazione raccontatada alcuni operatori della provincia di Udine.

Aggiornamento delle 10.30. Da Confindustria Udine bonus bebè da mille euro. Dieci bambini nati il primo gennaio in provincia di Udine uguale 10mila euro, ovvero mille euro per ciascuna delle dieci famiglie. È in questa semplice equazione che si quantifica l’ammontare del Bonus Bebè di Capodanno stanziato da Confindustria Udine per dare un segnale di attenzione alla comunità e al territorio provinciale, supportando le famiglie dei bambini venuti alla luce il primo giorno del 2021. Qui la notizia.

Aggiornamento delle 9.30. Confcommercio Fipe: "Attività stravolte, ora gli aiuti". Sono passati oltre dieci mesi da quando le nostre attività sono state stravolte. Ristoranti, bar, pizzerie, paninoteche, gelaterie chiusi, oppure aperti con orari e limiti che impediscono a molte realtà di lavorare in maniera proficua. Lo dichiara Fipe Confcommercio Fvg. "Siamo disorientati, la preoccupazione ha lasciato spazio alla paura: paura di non essere più in grado di riaprire tra qualche mese l’attività, paura per la tenuta dell’azienda che nei prossimi anni dovrà sobbarcarsi comunque i debiti contratti in questi mesi, paura per la tenuta sociale e il futuro delle nostre famiglie e dei nostri dipendenti.   Dietro a molti dei nostri locali c’è la storia del Friuli Venezia Giulia, ci sono le tradizioni di questo territorio, la fatica di generazioni, la valorizzazione di prodotti e produttori locali.  La politica nazionale – quella regionale non possiamo negare ci abbia interpellato costantemente e teso una mano – si è limitata a classificarci come “attività non indispensabili”, provvedendo a ristori irrisori, arrivati sempre con estremo ritardo e con la cassa integrazione per i nostri dipendenti che arriva a singhiozzo".  

 

Aggiornamento delle 9. Dall'inizio dell'anno già 308 morti con il Covid-19. Da Capodanno il numero dei decessi oscilla tra un minimo di 18 e un massimo di 41 morti al giorno. Ma non si può parlare di record. «Però se andiamo a guardare cosa sta succedendo da inizio anno si nota il peggioramento, i numeri stanno risalendo». Qui l'analisi nel dettaglio.

La giornata di ieri
Ieri in Friuli Venezia Giulia su 7.281 tamponi molecolari sono stati rilevati 467 nuovi contagi ai quali si aggiungono 79 casi già risultati positivi al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test molecolare, con una percentuale di positività del 7,5%. Sono inoltre 6.020 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono stati rilevati 391 nuovi casi (6,5%). I decessi registrati sono 22, ai quali si aggiungono 9 morti pregresse afferenti al periodo tra il 9 e il 31 dicembre 2020. I ricoveri nelle terapie intensive sono 69 mentre quelli in altri reparti scendono a 665.

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi