Oltre 260 milioni di euro investiti per il dopo-Vaia. Riccardi: "Altri 96 milioni per il 2021"

UDINE. "Quella condotta dopo la tempesta Vaia è un'operazione fondata su tre pilastri: messa in sicurezza del territorio, definizione di un modello organizzativo snello per favorire la sburocratizzazione e forte ricaduta economica sulle imprese e i professionisti locali. A due anni dall'evento, i dati confermano che la mobilitazione di risorse è stata rilevante, ovvero oltre 160 milioni di euro per il 2019, e oltre 104 milioni per il 2020. Complessivamente l'esecuzione degli interventi avviati nello scorso biennio sono in stato avanzato, con ricadute positive per l'economia regionale e il coinvolgimento di 253 imprese differenti per le opere del 2019 e 132 aziende per quelle del 2020, oltre a 887 incarichi progettuali o di servizio alla progettazione svolti da 360 professionisti per il 2019 e 290 per il 2020 per 538 prestazioni".

Lo ha dichiarato il vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, durante la riunione in videoconferenza della IV Commissione consiliare svoltasi questa mattina, nel corso della quale è stato rimarcato che "la programmazione degli interventi del 2021 sulla base delle indicazioni dei Comuni, che conterà su una disponibilità di oltre 95,7 milioni di euro, è in corso e il piano dettagliato delle opere sarà trasmesso entro questo mese al Dipartimento nazionale della Protezione civile".

Riccardi ha spiegato che "complessivamente gli interventi sono 867, dei quali 658 afferenti al 2019 e 209 al 2020, dei quali ben 363 sono stati completati. In merito all'erogazione dei fondi, Riccardi ha sottolineato che "parallelamente allo stato di avanzamento dei lavori è elevato anche il tasso di pagamento degli interventi eseguiti: complessivamente per il 2019 sono già stati liquidati oltre 101 milioni di euro e 3,2 per il 2020".

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi