In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Menato in pensione: «Direzione unica per la biblioteca e l’archivio di Stato»

Il direttore della Bsi dal 1996 conclude l’incarico ad agosto: «Fruitori di qualità, il personale è sceso da 31 a 18 unità»

2 minuti di lettura



Il primo agosto il direttore della Biblioteca statale isontina Marco Menato andrà in quiescenza. Un raro caso di goriziano di ritorno visto che aveva vissuto da ragazzo negli anni Settanta a Gorizia con la famiglia, il padre era direttore della Banca d’Italia. Tornato nel 1996 per assume l’incarico, ricevette il testimone da Otello Silvestri, con il quale aveva collaborato come volontario per un paio d’anni da studente di Lettere a Trieste.

«Arrivai pensando di stare alcuni anni – spiega Menato – poi i casi della vita e le amicizie hanno cambiato i miei progetti. Non me ne sono pentito, avendo avuto la possibilità da subito di progettare nuovi modi per far tornare la Biblioteca centro di attività culturali dopo sette lunghi anni di chiusura per restauri».

Per che cosa vorrebbe si ricordasse la sua direzione?

La mia attività è stata certamente caratterizzata dal lavoro documentario-artistico nel campo dell’arte contemporanea, una mia passione accanto allo studio e alla ricerca bibliografica. Come bibliotecario ho dato impulso alla pubblicazione dei cataloghi dei gioielli presenti nella Bsi con particolare attenzione ai fondi e alle biblioteche private di interesse pubblico. Un lavoro di ricerca e acquisizione che da una parte li ha salvati dalla dispersione e dall’altra permette agli studiosi un approfondimento sulla storia locale da punti di vista diversi.

A chi passerà il testimone?

Al momento nessuno all’orizzonte. A maggio inoltre andrà in quiescenza anche la dottoressa Antonella Gallarotti e il personale rimasto sarà di 18 persone contro le 31 del 1996.

Lei ha fatto però una proposta innovativa al Ministero dei Beni culturali...

Creare un’unica direzione con l’Archivio di Stato. All’estero è una prassi consolidata. Potrebbe essere un laboratorio in vista degli impegni del 2025 di Gorizia-Nova Gorica capitale europea della cultura.

Come si può definire oggi la Bsi?

Una biblioteca archiviale di conservazione dove lo storico locale ma anche il lettore raffinato può trovare fondi unici, quello di Carlo Michelstaedter è un esempio. Un fortilizio librario in questo periodo difficile nel quale le materie umanistiche hanno sempre meno peso. Chi verrà dopo dovrà trovare nuovi spunti in quanto gli spazi sono saturi e i fruitori sono di qualità ma con numeri di nicchia.

La Galleria “Mario Di Iorio”, ricavata nei sotterranei del seicentesco Palazzo Werdenberg, si è conquistata un ruolo importante in città e in regione?

Dal 1998 al 2020 sono state organizzare circa 300 mostre, una media di 15 all’anno e con le donazioni degli artisti è stata creata una collezione di oltre 300 opere, catalogate e pubblicate in un volume nel 2018. Ma non solo, per ogni artista è stato creato in archivio di cataloghi, depliant e materiale di solito ritenuto minore.

Quale mostra ricorda con maggior piacere?

Certamente quella dedicata a Zoran Music nel 2005 dal titolo “Piccole carte” allestita con opere inedite di un collezionista privato. La prima postuma del grande artista. È stata un’attività continuativa e costante con artisti di tutta la regione ma anche a livello italiano e internazionale con attività collaterali e, quando possibile, la pubblicazione di un catalogo. L’unione tra passione e aspetto tecnico bibliografico proprio del mio mestiere.

Come è cambiata Gorizia in 25 anni?

Impoverita di abitanti dallo sguardo volto al passato. Una città archiviale, una caratteristica che, se debitamente valorizzata, può avere il suo fascino.

Quali progetti in futuro?

Continuare a ricercare e scrivere libri su libri. In uscita il Dizionario dei tipografi e degli editori italiani del ’500. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA



I commenti dei lettori