La terra ritorna a tremare scossa di intensità 3.2 in Carnia



verzegnis


Una scossa di terremoto è stata registrata dalle stazioni sismografiche del Comune di Verzegnis, nella notte di domenica. Avvertita a molti chilometri di distanza dal suo epicentro, fino alle zone di Udine, Pordenone e Trieste, ha creato molta apprensione tra la popolazione della Carnia ma non ha causato danni a persone o cose.

Il movimento tellurico si è verificato alle 00.54 con magnitudo 3.2 della scala Richter, a due chilometri nordovest da Verzegnis, a una profondità di 8-10 chilometri. Molte persone hanno avvertito con chiarezza la scossa, durato poco meno di tre secondi, tanto da uscire di casa e precipitarsi in strada. Alta l’attenzione anche per gli sciami sismici che dal 29 dicembre hanno interessano la vicina Croazia, causando sette vittime e decine di feriti, nonché numerosi danni alle strutture.

L’“Orcolat” ha di nuovo fatto sentire la sua terrificante voce in una regione geologicamente e storicamente soggetta a fenomeni sismici, il più significativo nel 1976 quando anche il prezzo in termini di vite umane fu altissimo. Il 14 aprile 2019, una scossa di terremoto di magnitudo 4 della scala Richter, aveva messo in allarme Tolmezzo e le vallate carniche proprio nei giorni in cui il capoluogo ospitava l’adunata Triveneto degli alpini, alcuni dei quali, cessato l’iniziale spavento, si erano anche commossi ripensando ai loro interventi tanti anni prima tra le macerie del Friuli terremotato del ’76. —



Video del giorno

Ffp2, la prova in laboratorio: ecco come riconoscere le mascherine di qualità

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi