In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

La tenacia di una famiglia e l’incapacità della politica

franco corleone
2 minuti di lettura
(ansa)

Nel 1939, dopo nove anni di carcere, da Regina Coeli Ernesto Rossi, l’intransigente antifascista in una lettera alla moglie Ada confessava in un inciso che «Nove anni sono molti». Allo stesso modo i genitori di Giulio Regeni, Claudio e Paola possono dire oggi che cinque anni sono molti per vedere affermata la verità di una tragedia troppo grande per essere archiviata nel dolore privato.

Quella che si snoda dal 25 gennaio 2016 è una via crucis con tante stazioni e di cui non si vede ancora la fine, dal rapimento e al ritrovamento del corpo con i segni di una tortura efferata, fino al rinvio a giudizio da parte della Procura di Roma per quattro alti ufficiali dei servizi segreti dell’Egitto.

Certo questa conclusione, in attesa del processo, non sorprende, anzi potremmo dire e avremmo potuto averlo detto immediatamente, che sapevamo che cosa era accaduto.

Il problema è che un assassinio compiuto da elementi di rilievo di uno Stato richiede una spiegazione plausibile e una assunzione di responsabilità chiara. Non solo la punizione dei colpevoli materiali ma soprattutto la condanna dei mandanti politici e istituzionali.

Invece abbiamo assistito a una continua opera di depistaggio, a ricostruzioni false, addirittura a denigrazioni di una persona limpida, impegnata nella ricerca sociale.

Per fortuna la tenacia della famiglia, la bravura dell’avvocata Ballerini e l’impegno di una rete di associazioni di varia ispirazione hanno consentito di rompere le omertà, di denunciare le complicità e di pretendere dal governo italiano reazioni coerenti rispetto alle generiche, se non retoriche, manifestazioni di sdegno o solidarietà.

Purtroppo abbiamo assistito all’ennesima sconfitta della politica, incapace di battere un colpo significativo, ma questo esito può non sorprendere.

Eppure in questo caso era in gioco la credibilità dell’Italia. Uno Stato, di fronte all’omicidio di un suo connazionale non può rimanere inerte e deve mettere in campo tutte le azioni e misure per fare pressioni efficaci per ottenere una collaborazione leale per un obiettivo, la verità e la giustizia, che in questo frangente è una questione pubblica e non solo un interesse privato.

Invece di fronte agli insulti e alle provocazioni del procuratore generale Hamada Al Sawi verso i magistrati italiani le reazioni di singoli esponenti politici lasciano il tempo che trovano; anzi rafforzano la convinzione di Al Sisi che l’Italia sia una tigre di carta.

D’altronde la verifica di un atteggiamento morbido, attraverso la dura replica dei fatti, è venuta dalla conferma del contratto di vendita di armi, in particolare di due navi militari.

Molte azioni si sarebbero potute compiere, oltre al richiamo dell’ambasciatore al Cairo: la sospensione delle relazioni diplomatiche, la rottura di accordi commerciali, la richiesta di condanna e sanzioni all’Onu e da parte dell’Unione europea.

Fantapolitica? Certo se si ritiene che la ragion di stato sia più forte dei diritti umani. Senza dubbio va valorizzata la risoluzione votata dal Parlamento europeo nel dicembre scorso che propone embargo e sanzioni, ma alle parole debbono seguire i fatti.

L’Italia deve fare la sua parte e deve aprire un confronto con Francia e Germania. Se i principi vengono sacrificati sull’altare degli interessi, alla fine perdono credibilità le istituzioni e la democrazia si mostra fragile e impotente.

Bisogna allora arrendersi? No davvero. Il processo penale sarà un banco di prova ineludibile e potrà essere l’occasione per mettere in stato di accusa una dittatura che si fa forte di una posizione geopolitica strategica.

Ognuno può fare qualcosa di significativo, come ha dimostrato Corrado Augias restituendo la Legion d’honneur. Soprattutto manifestando solidarietà ai genitori, solidi come querce e coltivando la memoria di un figlio del migliore Friuli. —
 

I commenti dei lettori