Contenuto riservato agli abbonati

Udine, è morto Dumitru "Adrian" Sapcea: era positivo al Covid19

Ben voluto da tanti udinesi, il sessantunenne non si vedeva più da circa una settimana. È deceduto nella mattinata di sabato 30 gennaio, all'ospedale di Udine

UDINE. Si chiamava Dumitru Sapcea ed era nato il 4 gennaio 1960. A Udine in tanti lo conoscevano come Adrian. Ogni giorno chiedeva l'elemosina sugli scalini di piazza San Giacomo o sulle scale della chiesa di San Pietro Martire. Ben voluto da tanti udinesi, il sessantunenne non si vedeva più da circa una settimana. È deceduto nella mattinata di sabato 30 gennaio, all'ospedale di Udine. Era positivo al Covid.

Le sue condizioni di salute sono peggiorate rapidamente. Di origini romene, in passato Dumitru aveva fatto il muratore in Italia. A causa di un incidente aveva perso il lavoro e da quel giorno si era lasciato andare. "Abbiamo iniziato ad accoglierlo nel 2011 per non farlo dormire al freddo - ricorda Luca Vicario, coordinatore della struttura di accoglienza Il Fogolar di Udine -. All'inizio era molto diffidente nei nostri confronti. Poi siamo riusciti ad instaurare un buon rapporto con lui e ha iniziato ad accettare sempre più volentieri la nostra accoglienza.

Tra il 2014 e il 2016 è stato nostro ospite per circa un anno e mezzo. L'essere riusciti a portarlo via dalla strada aveva migliorato le sue condizioni di salute. Avevamo cercato un alloggio ed era nostra intenzione facilitare il suo rientro nel Paese d'origine, dove ha due fratelli e una sorella (un terzo fratello risiede in Germania). Purtroppo il tentativo non è andato a buon fine".

Vicario spiega che Dumitru voleva restare in Italia, a Udine in particolare. "Qui si sentiva ben voluto - racconta Vicario -. Diceva sempre che amava molto Udine. Ho girato assieme a lui in centro e ho colto la simpatia che tanti udinesi avevano nei suoi confronti. Siamo dispiaciuti anche perché, grazie alla collaborazione con i servizi sociali, eravamo riusciti a inserirlo in un progetto per fargli avere un appartamento. Purtroppo non c'è stato il tempo". A ricordare Dumitru Sapcea, durante la santa messa serale di sabato 30 e in quella di domenica 31 gennaio, è stato anche monsignor Gherbezza. "Era un uomo garbato - le parole del sacerdote -. Non dava mai fastidio a nessuno. Era apprezzato e ben voluto. Sono davvero dispiaciuto".

Video del giorno

Foggia, la gioia di Francesca per i primi passi con l'esoscheletro bionico con cui può tornare a camminare

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi