Il bollettino: 692 nuovi casi e 27 decessi. Tamponi alla popolazione a Tramonti di Sopra, solo 2 positivi su 160 - Gli aggiornamenti ora per ora

Aggiornamento delle 16.30. Nelle case di riposo 42 nuovi contagi. Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 42 casi di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari risultati contagiati all'interno delle stesse sono in totale 7. Sul fronte del Sistema sanitario regionale da registrare nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale la positività al Covid di un amministrativo, due infermieri, due operatori socio sanitari e un tecnico; nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un infermiere e due operatori socio sanitari; nessun caso nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale. Infine si registra la positività al virus di tre persone rientrate dall'estero (Usa, Serbia e Albania).

Aggiornamento delle 15.30. Il bollettino. Oggi in Friuli Venezia Giulia su 8.502 tamponi molecolari sono stati rilevati 499 nuovi contagi con una percentuale di positività del 5,86%. Sono inoltre 3.195 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 193 casi (6,04%). I decessi registrati sono 17, a cui si aggiungono 10 pregressi di data antecedente il 28 gennaio; i ricoveri nelle terapie intensive sono 63 mentre quelli in altri reparti scendono a 561.

I decessi complessivamente ammontano a 2.471, con la seguente suddivisione territoriale: 564 a Trieste, 1.196 a Udine, 547 a Pordenone e 164 a Gorizia. I totalmente guariti sono 53.371, i clinicamente guariti salgono a 1.591, mentre le persone in isolamento scendono a 10.556.

Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 68.613 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.678 a Trieste, 30.334 a Udine, 15.550 a Pordenone, 8.226 a Gorizia e 825 da fuori regione.

Aggiornamento delle 14. Screening a Tramonti di Sopra: solo 2 positivi su 160 tamponi. Solo due positivi sui 160 tamponi eseguiti a Tramonti di Sopra, comune dichiarato zona rossa per i troppi contagi Covid. Oggi è stato avviato lo screening di massa. "Insieme al vicesindaco del Zotto - ha dichiarato l'assessore regionale alla Salute Riccardo Riccardi - che ringrazio, esprimiamo soddisfazione per il lavoro svolto dal dipartimento di  prevenzione  dell'Azienda sanitaria Friuli occidentale. Grazie ai professionisti impegnati e ai cittadini che hanno aderito in massa". Qui i dettagli.

Aggiornamento delle 12. Corsa del Veneto al vaccino anti-Covid. Una campagna immunitaria fai-da-te, parallela a quella istituzionale riservata alla popolazione e concepita per offrire una certificazione “Covid Free” all’economia azzoppata dalla pandemia: circuito dell’accoglienza, commercio vocato al turismo, industria ed export, in primis.

Un obiettivo ambizioso, che chiede disponibilità di vaccini largamente superiore a quella erogata al Veneto dal canale distributivo europeo che a Roma fa capo al commissario Arcuri e, ancor più, esige tempi ristretti, pena soccombere alla concorrenza globale che già scommette sulla fine dell’emergenza sanitaria. Qui la notizia.

Aggiornamento delle 11. Riccardi: "Medici di base coinvolti sui vaccini ma serve intesa nazionale". "Il coinvolgimento dei medici di base e dei pediatri di libera scelta è ritenuto essenziale ma dovrà avvenire attraverso un'intesa nazionale che verrà poi declinata a livello regionale". Lo ha spiegato il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nella risposta all'interrogazione di un consigliere regionale, letta oggi in aula dall'assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti su  modalità, tempi e forma del coinvolgimento dei medici di medicina generale (Mmg) nella vaccinazione al Covid-19.

Nella risposta è stato ricordato come le linee guida del Piano strategico per la vaccinazione anti Covid-19, elaborato dal ministero della Salute, commissario straordinario per l'emergenza, Istituto superiore di sanità, Agenas e Aifa al punto 4 prevedono che "con l'aumentare della disponibilità dei vaccini, a livello territoriale potranno essere realizzate campagne su larga scala per la popolazione presso centri vaccinali organizzati ad hoc e, in fase avanzata, accanto all'utilizzo delle unità mobili, il modello organizzativo vedrà via via una maggiore articolazione sul territorio, seguendo sempre più la normale filiera tradizionale, incluso il coinvolgimento degli ambulatori vaccinali territoriali, dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, della sanità militare e dei medici competenti delle aziende".

Il modello organizzativo nazionale prevede pertanto il loro coinvolgimento in rapporto anche alla disponibilità di vaccini che richiedano una logistica di stoccaggio e modalità di utilizzo meno vincolanti rispetto a quelli attualmente disponibili, che necessitano di una conservazione a -70° C.

PER APPROFONDIRE. Vaccini, tante le richieste di prenotazione per gli anziani: la guida alle prenotazioni per gli over80 e le domande più frequenti

Aggiornamento delle 10.15. La mortalità a Pordenone. Il 2020 è stato un anno orribile anche per i servizi demografici del Comune di Pordenone. Se i matrimoni e i lieti eventi, così come i giuramenti per la cittadinanza, sono stati "congelati" dall'avvento del coronavirus, il numero dei decessi è aumentato in modo considerevole, mettendo sotto pressione gli uffici. In città i decessi sono stati il 30 per cento in più rispetto ai due anni precedenti, con un incremento registrato soprattutto alla voce "deceduti a Pordenone, ma non residenti a Pordenone". Qui tutti i dati

Aggiornamento delle 10. Settanta ospiti positivi alla Zaffiro di Martignacco. L’80% degli ospiti della casa per anziani del Gruppo Zaffiro di Martignacco è risultato positivo al Covid-19. Un maxi focolaio che attualmente vede coinvolte 70 persone, ma che una settimana fa ha raggiunto quota 103 contagiati (tra anziani e operatori). La struttura ha una disponibilità totale di 130 posti letto. Dalla proprietà non arriva alcun commento, ma solo la conferma della presenza del focolaio. Qui la notizia.

Aggiornamento delle 9. Covid in Fvg, che cosa è successo mercoledì 3 febbraio: il bollettino. In Friuli Venezia Giulia su 5.212 tamponi molecolari sono stati rilevati 192 nuovi contagi con una percentuale di positività del 3,68%. Sono inoltre 779 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 66 casi (8,47%). I decessi registrati sono 21, a cui si aggiungono 5 pregressi afferenti al mese di gennaio; i ricoveri nelle terapie intensive sono 61 mentre quelli in altri reparti scendono a 579.

I decessi complessivamente ammontano a 2.444, con la seguente suddivisione territoriale: 555 a Trieste, 1.185 a Udine, 543 a Pordenone e 161 a Gorizia. I totalmente guariti sono 52.670, i clinicamente guariti salgono a 1.581, mentre le persone in isolamento scendono a 10.586.

Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 67.921 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.577 a Trieste, 29.945 a Udine, 15.453 a Pordenone, 8.131 a Gorizia e 815 da fuori regione.

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi