In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

I rifugi immersi nella neve e intorno regna il vuoto: la disperazione dei gestori costretti a restare chiusi

2 minuti di lettura

UDINE E PORDENONE. Stop allo sci, agli impianti di risalita, ai rifugi, alle strutture ricettive in generale: la montagna ha subìto un duro colpo all'indomani della decisione del ministro della Salute di posticipare l'apertura della stagione al 5 marzo, cancellando di fatto l'ordinanza con la quale il presidente della Regione aveva disposto il ritorno degli sciatori a partire da venerdì 19 febbraio.

«Una stagione senza speranza. Meglio chiusi piuttosto che aperti per 20 giorni, assumere e licenziare, comprare alimenti e gettarli». Katiusha Polloni e Riccardo Donò a Piancavallo gestiscono dal 2012 Baita Arneri e il rifugio Val dei Sas («chiuso, ma paghiamo spese e riscaldamento»), raggiungibili con impianti di risalita.

Piancavallo, il rifugio è chiuso: l'amarezza dei gestori

«A piedi ci vogliono dai 50 minuti all’ora e mezza». Vivono di turismo invernale: «Il blocco è stato un fulmine a ciel sereno». In tempi ordinari Baita e rifugio danno lavoro a 15-17 persone, ora tutti a casa.

«Qualche collaboratore a chiamata, ma è impossibile prevedere le presenze. In tempi normali sono 300 mila primi passaggi a stagione. Trattati come locali di paese: a -15° costretti a dare una birra all’esterno, ma in zona arancione abbiamo preferito chiudere».

In zona gialla la Baita è aperta dalle 8 alle 18: «Rischiamo il crollo, i primi aiuti non di spettano. Il Comune di Aviano ci ha dato mille euro. Il 16 febbraio dovremo pagare le tasse lo stesso».

La rabbia e la delusione degli operatori turistici di Sappada, all'indomani dell'ennesimo rinvio da parte del governo dell'apertura degli impianti di risalita, è tanta.

In particolare, i ristoratori i cui locali si trovano sulle piste da sci, dimostrano grande preoccupazione per una stagione turistica che, ora, può dichiararsi definitivamente distrutta. Vincenzo Giacobbi, titolare del ristorante Ski bar, prospiciente le piste da sci di Sappada dedicate ai principianti, esprime tutta la sua rabbia per la "mazzata" ricevuta domenica con l'annuncio del ministro Speranza, con un post sui social e scrive "Grazie di averci informato con congruo anticipo delle vostre decisioni; ci avete stupito poiché siete stati più veloci di noi nel cambiare i programmi e purtroppo non è un complimento".

Giacobbi allude alle tempistiche della comunicazione del governo che arriva dopo quella regionale, stando alla quale gli impianti sarebbero stati aperti il 19 febbraio prossimo. Giacobbi, nel suo post, annuncia tuttavia: "Noi comunque restiamo aperti e i nostri ragazzi resteranno assunti."

Allarga le braccia Teodoro Caldarulo, gestore della Baita Goles sullo Zoncolan, e rimprovera: «Per noi questi slittamenti continui, tra Cts, ordinanza di Fedriga e governo, significano dire addio alla stagione e un grave danno economico.

Non si può dire un giorno prima che tieni chiusi gli impianti di sci. Io l'affitto lo devo pagare comunque e non ho ricevuto alcun ristoro. I miei 28 posti letto tutti prenotati su due settimane sono già svaniti e le 5 persone assunte in più ora devono stare a casa (lo sono da ottobre)».

Sara Polo dell'hotel La Perla di Ravascletto aveva riaperto lo scorso fine settimana, dopo 4 mesi e mezzo di fermo, ma così ha richiuso. Aveva già richiamato una dozzina di collaboratori, perché l'inverno di solito ha il tutto esaurito su 80 posti letto.

«Eravamo - ammette - abbastanza preparati a un nuovo slittamento. Mi disturba però l'incertezza in cui siamo tenuti. Se sai subito che non lavori, ti prepari alla stagione estiva. Sono però ottimista, ci rifaremo appena usciremo da questa pandemia. Non mi piango addosso, combatto con ottimismo».

I rifugi di quota non riapriranno. Inutile ed esoso a questo punto della stagione. Amarezza e rassegnazione a Forni di Sopra, dove la notizia arriva come l’ennesima esasperante sfida a ristoratori e operatori del settore turistico che, questa volta, dichiarano di dover gettare la spugna.

«Era possibile adottare una strategia per affrontare emergenza e crisi. Stagione persa e fallimento del piano per salvaguardare il turismo invernale». É lo sfogo di Monica Cedolin, gestrice dello Zwar bar di Forni.

«Il danno non è solo istantaneo, ma si ripercuoterà a lungo termine sull’economia montana. I numeri delle casse, esprimono la drammaticità dei fatti. A pesare, anche il mancato afflusso dei turisti stranieri.

Abbiamo dovuto ripensare e riprogrammare continuamente le nostre attività. Per me che lavoro da quasi 40 anni nell’alberghiero, è stato fondamentale cercare di dare garanzie contrattuali ai miei dipendenti. I decreti degli ultimi mesi hanno realizzato l’assassinio del settore». —

 

I commenti dei lettori