Contenuto riservato agli abbonati

Covid, altre tre vittime in provincia di Pordenone: ecco chi sono

PORDENONE. Altre tre vittime, in provincia di Pordenone, sul fronte della lotta al Covid.

Venerdì 19 è mancata Guglielmina Picci, 88 anni, di Morsano al Tagliamento. Era stata accolta nel reparto di medicina del presidio ospedaliero San Vito e Spilimbergo e si era anche negativizzata, ma le conseguenze della dura lotta contro il virus, unite ad altre complicazioni di salute, hanno avuto la meglio sulla sua tempra.


Il giorno precedente, giovedì scorso, erano state due le vittime nel Friuli occidentale. Al centro assistenza anziani di Maniago era spirato Ruggero Parutto, 79 anni, della stessa città dei coltelli, mentre nel reparto di medicina Covid dell’ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone era deceduta Irene Giannina Matiz, 77 anni, di Zoppola.

I morti, dall’inizio della pandemia, per quanto riguarda la provincia di Pordenone, sono saliti a 583, in un quadro generale di contagio che, tuttavia, per il territorio della Destra Tagliamento, sembra farsi meno problematico con il passare dei giorni.

I pazienti sintomatici con il Covid, in ospedale a Pordenone, tra terapia intensiva, pneumologia e medicine, sono poco più di una sessantina. Proseguono secondo programma le vaccinazioni, con un dato confortante dalla Regione, visto che nell’ultimo elenco non compare nessun nuovo operatore sanitario pordenonese contagiato.

Buona notizia anche da Sanremo, dove Moreno Conficconi, componente degli Extraliscio, è risultato negativo al tampone molecolare dopo un test rapido positivo. Niente quarantena, così, per l’artista pordenonese Davide Toffolo, che collabora con la band, per il quale riparte l’avventura al Festival.

Quanto al futuro della sanità pordenonese, sul fronte nuovo ospedale prende sempre più piede l’ipotesi di tenere in piedi uno dei due padiglioni di cui ancora si discute, l’A e il B.

E a differenza di quanto emerso in un primo momento, l’ipotesi più verosimile è che a essere sacrificato possa essere il B, con il recupero dell’A. Sarebbe un polmone utile in caso di necessità di avere più spazi, posti letto e servizi a disposizione. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi