Contenuto riservato agli abbonati

C'è chi va a Sanremo in bicicletta e chi scende in piazza: il teatro non è tempo libero, il teatro è lavoro

L’iniziativa di un nutrito gruppo di operatori del mondo dello spettacolo

Teatro, che bella parola. La parola teatro non la pronuncia nessuno, pochissimo perfino il quattro volte ministro della cultura Franceschini. Se avesse detto le parole teatro e cinema quanto è stata pronunciata la parola “impianti sciistici”

UDINE. C’è chi a Sanremo ci andrà in bicicletta. Parliamo degli artisti e dei lavoratori dello spettacolo che partiranno il 24 febbraio per un viaggio di 300 chilometri, diviso in 6 tappe, da Milano alla città del Festival, con arrivo il 2 marzo. Un’iniziativa poetica, democratica, gentile, senza urla e strepiti nonostante sia passato un anno dalla chiusura dei teatri e i suoi lavoratori siano allo stremo.

Teatro,

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Hawaii, l'incontro inaspettato è da brividi: fotografo si imbatte in uno squalo bianco mentre nuota

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi