Basta campane all’alba La parrocchia cede a chi lo ritiene “rumore”





Da venerdì sera la parrocchia di San Bartolomeo di Erto si è adeguata alle disposizioni della curia vescovile e ha rivisto orari e durata dell’uso delle campane.

E in valle è nuovamente scoppiata la polemica dopo dodici mesi di relativa tranquillità. Un anno fa fu un turista abruzzese a chiedere al Comune di silenziare le campane dell’alba e durante il riposo pomeridiano. Qualche giorno dopo fu dichiarato il lockdown e l’argomento finì nel dimenticatoio. La scorsa settimana, la svolta, con il parroco don Eugenio Biscontin costretto a mettersi in regola rispetto a una direttiva del 1995.

All’epoca, era stato il vescovo Sennen Corrà a intimare il rispetto delle disposizioni del codice civile anche per evitare di incorrere in sanzioni penali. Da ieri mattina, quindi, il primo scampanio si udirà alle 7 e non più alle 6.

Sarà rivisto al ribasso il numero delle chiamate a raccolta dei fedeli, come ad esempio prima delle funzioni religiose o in occasione di della morte di un parrocchiano. Infine, stop ai rintocchi per segnare le ore e le mezz’ore nel corso della notte. «Abbiamo le mani legate, non possiamo certo violare la legge», ha dichiarato il parroco, che ben comprende l’attaccamento alle tradizioni da parte della popolazione, ma dall’altra sarebbe il primo soggetto giuridico raggiunto da un’eventuale denuncia per rumori molesti. Le parole di don Eugenio, ripetute in più occasioni negli ultimi dodici mesi, non hanno però sopito una protesta che coinvolge i social. È in internet che si sta consumando una battaglia tra quanti non vogliono tradire le usanze e quelli che chiedono di pensare alle esigenze moderne, turismo compreso. Il fatto che il primo a protestare sia stato proprio un escursionista è uno dei motivi di maggior vivacità nei dibattiti.

Il sindaco Fernando Carrara ha girato il problema alla Curia. Ma ha anche ricordato «di essere vissuto per decenni sotto una torre campanaria e di non aver mai provato disagi». —



Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi