In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Più verde, servizi negozi e orti urbani «Così rinasce San Domenico»

Il progetto prevede la demolizione di 16 palazzi ormai datati L’investimento complessivo sfiora i 30 milioni di euro

2 minuti di lettura



Più verde, mille metri di orti e altrettanti divisi tra negozi e servizi pubblici, ma soprattutto nuovi spazi abitativi rivisti in ottica contemporanea ripensando anche l’idea stessa di comunità. È la rivoluzione del progetto “Abitare Udine: quartiere San Domenico 2030 - Comunità al plurale” presentato ieri in sala Ajace, una rivoluzione che interesserà un’area di 73.800 metri quadrati e 16 edifici, di cui 15 comunali e uno dell’Ater, per un totale di 164 alloggi. «Vogliamo sperimentare una nuova tipologia di rigenerazione urbana che prevede la demolizione di palazzi ormai datati e non più funzionali per ricostruire un quartiere all’insegna della qualità dell’abitare», ha illustrato l’assessore alla Pianificazione territoriale, Giulia Manzan. Per riuscirci il Comune punta a ottenere un contributo di 15 milioni di euro dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti al quale si aggiungeranno poi 8,2 milioni da parte del Comune, 1,8 dell’Ater e 3,2, anche sotto forma di servizi, della Casa dell’Immacolata. L’investimento complessivo quindi, sarà di poco inferiore ai 30 milioni di euro. Gli uffici di Palazzo D’Aronco hanno già inviato i documenti a Roma «ed entro 90 giorni - ha spiegato Manzan - la commissione dovrà stilare una graduatoria». Di buono c’è che sarà finanziato almeno un progetto per ogni regione quindi le probabilità di ottenere i fondi non sono poche. «Ma se la proposta non dovesse risultare vincente - ha chiarito l’architetto Giovanni La Varra dello Studio Barreca & La Varra di Milano che ha firmato il progetto -, sarà comunque possibile cercare altre fonti di finanziamento per portare avanti una trasformazione che è stata condivisa con il territorio coinvolgendo anche il terzo settore». Oltre al Comune e all’Ater (all’incontro era presente anche il presidente Giorgio Michelutti) sono partner del progetto la Casa dell’Immacolata di don de Roja che, ha ricordato il sindaco Pietro Fontanini, «si occupa del recupero di ragazzi in difficoltà e insegna un mestiere offrendo una prospettiva lavorativa e la comunità Piergiorgio che è un riferimento per l’assistenza ai portatori di handicap. Grazie a questo progetto intendiamo andare a recuperare uno dei quartieri della nostra città ad alta densità abitativa, demolendo alcuni edifici popolari ormai vecchi e non più adeguati alle nuove esigenze delle famiglie e agli attuali parametri energetici e antisismici e sostituendoli con immobili nuovi e rispettosi dell’ambiente e della dimensione fortemente comunitaria dell’area. In questo modo andremo a migliorare in maniera significativa la qualità della vita delle molte famiglie che vivono nel quartiere».

Il progetto prevede la creazione di 178 appartamenti, rispetto agli attuali 164, con una diminuzione della superficie edificata dagli attuali 17.850 metri quadrati a 17 mila e con un aumento della verde dagli 8.834 metri quadrati di oggi a 9.392. Oltre mille metri quadrati saranno destinati alla creazione di orti urbani e altrettanti saranno riservati al commercio al dettaglio e ai servizi pubblici. La classe energetica degli immobili passerà da classe G a classe A.

«L’iniziativa a San Domenico - ha sottolineato La Varra - potrà rappresentare quindi un modello e indicare una possibile linea per riattualizzare un patrimonio pubblico rilevante e strategico. Una volta il secondo bagno e i balconi erano un lusso oggi non più. Inoltre, le famiglie sono meno numerose. Abbiamo però immaginato due appartamenti comunitari da sei per persone sole, magari anziani, che vogliono convivere potendo contare su camera e bagno privato e spazi comuni. Poi ci saranno i loft ai piani superiori e soluzioni per unire casa e bottega al piano terra dove sarà realizzata la galleria commerciale e dei servizi con un punto socio sanitario che saranno a disposizione di tutto il quartiere». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori