Maxi frode internazionale Un giro da 60 milioni anche coi soldi di Gaiatto

Inchiesta pordenonese in Veneto: 4 arresti, 11 perquisiti, ingenti sequestri  Le accuse: emissione di false fatture, riciclaggio con l’aiuto di società cinesi

Un patto tra italiani e cinesi, un giro d’affari stimato in almeno 60 milioni di euro con il coinvolgimento di imprenditori del centro e nord Italia, faccendieri e intermediari del Veneto orientale che gestivano una rete di società cartiere, e infine esponenti della criminalità cinese di Padova che garantivano, a fronte di un pagamento del servizio variabile tra l’1% e il 3%, il ritorno dei contanti nelle tasche degli imprenditori. Un meccanismo che, stando ai primi accertamenti della procura di Pordenone, ha permesso di evadere imposte per oltre 10 milioni di euro e di riciclarne altri 2,8 milioni tra il 2017 e il 2020. E potrebbe essere solo la punta di un iceberg della maxi-frode fiscale internazionale. Sono scattati sequestri per 10 milioni.

Gli arrestati


Sono quattro gli arrestati dalla Finanza di Portogruaro che ha eseguito l’ordinanza del gip Rodolfo Piccin. In carcere sono finiti Severino Pivetta (66 anni), piccolo imprenditore di Fossalta di Portogruaro, Marco Bonaveno (43 anni), di San Michele, ma residente a Oderzo (si è consegnato ai finanzieri nel tardo pomeriggio di ieri, di ritorno da Bratislava) e Michele Battain (46), di Portogruaro. Sono accusati di riciclaggio e di emissioni e utilizzo di fatture false per operazioni inesistenti. Ai domiciliari, con braccialetto elettronico, Renzo Bertacco (66 anni), di Cessalto, accusato di riciclaggio. Risultano altri 6 indagati, residenti in Veneto orientale o all’estero, per le operazioni fittizie. Sono le teste di legno, intestatari fittizi delle società cartiere. L’indagine coordinata dal procuratore Raffaele Tito e dal pm Monica Carraturo, è partita dall’inchiesta sul sedicente broker Fabio Gaiatto, già condannato in appello per la maxitruffa Venice.

Da Gaiatto a Pivetta

È stato lo stesso Gaiatto, in un interrogatorio, a raccontare che, trovandosi in difficoltà per la restituzione di soldi, si rivolse a Pivetta, suo cliente, che lo aiutò a recuperare contante, emettendo fatture per prestazioni mai erogate nei confronti delle società del broker. Così nel dicembre del 2019 la Finanza ha deciso di perquisire l’abitazione di Pivetta che, con un tentativo goffo, ha cercato di liberarsi di uno smartphone e di una memoria esterna gettandoli oltre una siepe. È attraverso l’analisi dei dati e delle chat nei due dispositivi che i finanzieri – come hanno illustrato ieri a Mestre i vertici della procura di Pordenone con il comandante delle Fiamme gialle di Venezia Giovanni Avitabile e il capitano della Tenenza di Portogruaro, Emanuele Farina – sono riusciti a ricostruire il giro di denaro tra il Nordest, l’Est Europa (Bulgaria, Croazia, Serbia e Slovacchia, Repubblica Ceca) le banche di Shanghai e Hong Kong. I tre in carcere avevano rapporti con almeno 34 imprese italiane nel settore del commercio di rottami di ferro e bancali di legno (una decina le aziende in Veneto, le altre sparse nel Lazio, nelle Marche e nel Nord Italia) per le quali, attraverso una rete di 26 società cartiere con sede all’estero ma di fatto gestite nel Veneto orientale – dove sono stati trovati documenti e timbri aziendali – emettevano fatture per operazioni inesistenti. Tutti gli imprenditori coinvolti saranno con ogni probabilità indagati dalle procure delle città in cui hanno sede le aziende.

Bonifici in Cina

I soldi finivano, ad esempio, in una banca slovacca da dove, con lo stesso meccanismo, partivano verso le banche cinesi. È qui che – come sospettano gli inquirenti – un referente cinese dell’organizzazione certificava, con una foto spedita via chat qui in Italia, la buona riuscita del bonifico. Con la garanzia dei soldi arrivati in Cina, e trattenuta la percentuale, avveniva la fase della retrocessione: molte in corso Stati Uniti a Padova, dove c’è il centro Ingrosso cinese.

I referenti cinesi del gruppo quindi davano il contante a Bertacco, che poi lo portava agli altri tre per la restituzione agli imprenditori. Un patto che avvantaggiava tutti: gli imprenditori, con fatture false, abbattevano il reddito e pagavano meno imposte. Oltre a garantirsi una provvista in nero. I cinesi, con i soldi al sicuro nelle banche del loro Paese, potevano liberarsi del contante. Chi siano i referenti cinesi e quale sia l’origine del contante – evidentemente frutto di attività in nero – è quel che stanno cercando di capire i detective. Perquisito anche un friulano al quale Bonaveno stava fornendo una consulenza per l’apertura di una società in Slovacchia.

Riciclaggio

Accertato in due casi al momento il riciclaggio di denaro: nei confronti di due società di investimento di Gaiatto (per 880 mila euro) e per la società di Torre di Mosto Bellotto General Contractor (per 1 milione e 900 mila euro) il cui titolare Mauro Bellotto è stato condannato a luglio 2020 in primo grado per bancarotta. L’azienda si trova dal 2018 in regime di procedura fallimentare.

Carosello a Malta

Sono stati ricostruiti a carico di Pivetta due ulteriori meccanismi di evasione delle imposte. Il primo realizzato con lo spostamento, solo cartolare, dei dipendenti di aziende da lui gestite in una società con sede formale a Malta creata ad hoc per favorire l’evasione contributiva. Il secondo attraverso la creazione di un sistema di false fatture per costi e crediti Iva fittizi con un’evasione ai fini delle imposte dirette per circa 4 milioni di euro e di Iva per ulteriori 800.000 euro. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Video del giorno

Propaganda Live, i silenzi di Matteo Salvini secondo Alessio Marzili

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi