Fondi dell’ex Uti ancora da dividere E ora scoppia la lite tra Comuni

Maniago

Due milioni e mezzo ancora da dividere tra i Comuni dell’Uti delle Valli e Dolomiti friulane, che a breve lascerà spazio alle due Comunità di montagna: la spartizione fa discutere. Da una parte Andrea Carli, presidente dell’Unione e sindaco di Maniago, difende il criterio di spartizione delle somme, che tiene conto dei municipi che negli anni hanno avuto di meno, dall’altra Fernando Carrara, sindaco di Erto e Casso, non esita a mettere in evidenza che «il mio Comune per l’ennesima volta è stato penalizzato».


Le polemiche sulla gestione non mancano nemmeno nella fase di chiusura dell’esperienza dell’Uti e Carrara non intende evitare di accendere il dibattito neanche nel momento dell’addio. «Un divorzio degno dei peggiori matrimoni – ha commentato con una battuta il sindaco di Erto e Casso –. Se già connubio e condivisione erano stati precari, il finale non poteva che essere pessimo: come nei matrimoni, quando si tratta di spartirsi i conti, nascono problemi non da poco. Al di là dell’ironia, il mio Comune si trova di nuovo penalizzato. Risulta, infatti, che io abbia ottenuto il 157 per cento dei fondi che mi spettavano, ben oltre la quota, e che quindi non abbia diritto più a nulla. Questo, in quanto nel computo è stato fatto rientrare un finanziamento che avevo ricevuto dalla Regione e che nulla c’entrava con l’Uti. Chiedo, dunque, all’assemblea dei sindaci dell’Unione di non votare la soluzione individuata». Carrara non risparmia una punzecchiatura ai Comuni che in questi anni hanno ottenuto meno fondi dall’Unione. «Potevano svegliarsi prima – ha detto –. I piani dell’Uti erano sottoposti al voto: dov’erano questi sindaci quando venivano approvati i progetti ed era il momento di battere i pugni per ottenere finanziamenti? Inutile piangere oggi».

Il presidente Carli, non volendo entrare nella polemica, ha precisato che «il criterio che abbiamo deciso di seguire per attribuire i circa due milioni e mezzo è quello di partire da chi ha avuto di meno. Mi pare una soluzione ragionevole. Se poi c’è chi è convinto di essere sempre e volutamente vittima di decisioni che lo danneggiano, posso proprio affermare il contrario. Il municipio di Maniago, per esempio, ha ottenuto dalla Regione i fondi per la caserma dei carabinieri, che serve sette Comuni, e come sindaco non ho parlato di quote da dividere tra gli enti: i soldi sono finiti tutti nel computo relativo alla città del coltello. Di cosa stiamo parlando, quindi? Del nulla». L’ultima parola spetta all’assemblea dei sindaci. —



Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi