Contenuto riservato agli abbonati

Tamponamento tra un tir e un furgone in autostrada: ecco chi sono le vittime, vivevano entrambi in Friuli

I vigili del fuoco impegnati dopo l’incidente sulla Venezia-Trieste in cui hanno perso la vita i due uomini residenti a Talmassons; a destra, Erik Galluzzo: aveva 28 anni

SAN DONA'. Due gravi incidenti sulla A4 in direzione Trieste: il tragico bilancio di mercoledì 31 marzo in autostrada è stato di due morti nello scontro tra un furgone e un mezzo pesante, quindi un ferito nel tamponamento, a distanza di un chilometro, tra due altri mezzi pesanti.

I deceduti sono i due uomini che viaggiavano a bordo del furgone, un friulano di 28 anni, Erik Galluzzo e un albanese di 34 anni, Eder Shqalshi, entrambi residenti a Talmassons.

Intorno alle 18 i vigili del fuoco di San Donà sono arrivati in autostrada A4 per il doppio incidente tra i caselli di San Donà e Cessalto, ancora nel comune di San Donà, poco distante dal canale Grassaga.

Due i morti nel primo tamponamento tra un mezzo pesante e il furgone sul quale viaggiavano Erik Galluzzo di 28 anni, originario di Palmanova, e il cittadino albanese Eder Shqalshi di 34 anni. Un ferito nel secondo incidente tra altri due mezzi pesanti. Si tratta di un autotrasportatore di origine turca fortunatamente non grave.

Il primo incidente, mortale, si è verificato 2 km circa dopo il casello di San Donà in direzione Trieste. I pompieri arrivati da San Donà, Mestre e Motta di Livenza hanno messo in sicurezza i mezzi e utilizzato le cesoie, divaricatori e martinetti idraulici per riuscire a estrarre i due uomini rimasti incastrati nell’abitacolo del furgone. Nonostante i soccorsi tempestivi il medico del Suem ha dovuto decretare poco dopo la morte delle due persone liberate dalla morsa mortale.

Il secondo incidente è avvenuto circa mezz’ora più tardi, un chilometro dopo, al confine con Cessalto, tra due mezzi pesanti che si sono tamponati violentemente. I vigili del fuoco hanno estratto dalle lamiere un autotrasportatore turco rimasto incastrato al posto guida.

L’uomo è stato stabilizzato dal personale sanitario del Suem e trasferito immediatamente all’ospedale di San Donà. Per entrambi gli incidenti è intervenuto a supporto il personale ausiliario dell’autostrada e la polstrada di San Donà e Venezia per tutti i rilievi. Il tratto di autostrada è rimasto chiuso durante i soccorsi e le auto deviate al casello di San Donà– Noventa con pesanti ripercussioni sulla rete stradale esterna alla A4.

Gli incidenti di mercoledì sollevano nuovamente le polemiche sulla pericolosità di questo tratto autostradale purtroppo teatro di numerosi incidenti anche con esito mortale.

Un tratto in cui manca ancora la terza corsia nonostante le pressanti richieste delle comunità, gli appelli ripetuti dell’ex deputato Luciano Falcier, dell’ex vice sindaco di San Donà Luigi Trevisiol e del presidente dell’associazione Veneto Orientale, Lino Bellato.

Da anni protestano per il ritardo nella partenza dei lavori per la terza corsia che hanno trascurato proprio questo tratto autostradale così trafficato e con una grande quantità di mezzi pesanti in transito tutti i giorni.

Mercoledì pomeriggio era stata registrata una progressiva intensificazione del traffico, causata dal ritorno dei mezzi pesanti dal Nord Italia verso il Centro Est Europa per le festività pasquali. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi