In arrivo la prima comunità d’energia in via della Roggia

L’amministrazione comunale ha presentato la configurazione ritenuta ottimale nell’ambito del progetto europeo Alpgrids. La comunità allo studio riunisce un gruppo di sette edifici di proprietà pubblica tra via Sabbadini e via della Roggia. Insieme a quattro palazzine residenziali, nel cluster di consumatori e produttori di energia, rientrano il museo friulano di Storia naturale, la primaria “D’Orlandi” e l’asilo nido “Dire, Fare, Giocare”. A conclusione della campagna di elaborazioni dati, l’amministrazione si è rivolta al servizio Energia della Regione e all’Agenzia per l’Energia del Fvg per condividere la propria esperienza e cercare un coordinamento tra le parti per un supporto alla promozione delle comunità di energia. «Il progetto – spiega l’assessore ai Progetti europei Giulia Manzan – si concretizzerà attraverso un sistema di monitoraggio energetico in grado di rilevare gli assorbimenti di elettricità e di calore, oltre alle produzioni elettriche, negli edifici pubblici selezionati, alcuni dei quali sono dotati di impianti fotovoltaici». Entro la fine dell’anno potrà nascere la prima comunità energetica rinnovabile in città.

Video del giorno

Faccia a faccia tra il direttore Massimo Giannini e Carlo Petrini sul futuro del cibo e la sostenibilità

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi