Incendio nei boschi di Pissebus Interviene anche il Canadair

TOLMEZZO

Un vasto incendio si è sviluppato, nella tarda mattinata di ieri, dopo la zona di Pissebus, in un’area impervia a lato della vecchia strada che collega Tolmezzo ad Amaro, tra la galleria del Sasso tagliato fino all’inizio di un rio che divide la zona dal Monte Amarianute. Il rogo è partito a pochi metri dalla galleria, al confine tra i due comuni, all’imbocco del sentiero che conduce a Lisagno, dove attorno agli stavoli si è stretto un cordone di uomini a loro difesa. In azione sul posto i vigili del fuoco di Tolmezzo, personale della Protezione civile e del Corpo forestale regionale, volontari di pc di Tolmezzo, Arta Terme e Amaro, due elicotteri che hanno fatto la spola tra il Tagliamento e l’area incendiata. Da Genova è giunto un Canadair, che si riforniva d’acqua al lago di Cavazzo. La Polizia locale ha chiuso la strada (ex provinciale 125 del Sasso Tagliato). Il sindaco, Francesco Brollo, per ore in loco, rileva che il vento ha reso difficoltoso individuare il fronte dell’incendio, si è ridotto tuttavia verso sera il timore che il fuoco potesse fare il salto del canalone, oltre il rio dell’Amarianute, come avvenne, con il rogo del 2003, propagato dal vento, che facilitò la diffusione delle fiamme. Diversi adombrano intanto, il sospetto del dolo. La cenere ieri giungeva fino a Zuglio. —




Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi