Contenuto riservato agli abbonati

Più di 350 rianimatori del Fvg alla Regione: i numeri dei ricoveri in terapia intensiva sono molto più alti di quelli dichiarati | La lettera completa

UDINE.  "I veri numeri ci dicono che i pazienti Covid gravi in terapia intensiva in Friuli Venezia Giulia sono ben di più di quanti dichiarati, superando decisamente il valore del cutoff di 50% dei posti letto intensivi totali occupati da pazienti Covid". A denunciarlo, in una lettera rivolta al presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, è Alberto Peratoner, presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani - Emergenza Area Critica (Aaroi Emac) del Fvg, che, a nome di "350 colleghi", lancia l'allarme sulla "drammatica" situazione ospedaliera in regione.


Nella lettera i rianimatori fanno riferimento all'apertura "di reparti di semintensiva (come già a Palmanova e in questi giorni anche a Gorizia) che in realtà a tutti gli effetti sono vere terapie intensive gestite da anestesisti rianimatori, con pazienti gravi, ventilati e rapidamente intubati in un effetto finale di sottodimensionamento dei numeri reali di pazienti di terapia intensiva".



In generale, secondo l'Associazione, la gestione dell'emergenza covid "continua ad avere grossissime criticità" in regione e "la zona rossa oggi in Friuli Venezia Giulia non sta dando gli ottimi risultati di quella di un anno fa". Definendosi "stanchi", "arrabbiati", "infastiditi", "molto preoccupati" e "delusi", perché, hanno spiegato, "ormai da molti mesi i vertici della sanità regionale non ci danno udienza e non ci convocano", i medici anestesisti e rianimatori della regione esprimono l'auspicio che "l'allentamento delle misure di prevenzione e di contenimento sociale non provochi l'ennesima risalita dei contagi perché siamo veramente stremati". 

Ecco la lettera completa 

- "La salute dei cittadini e la gestione dell'emergenza Covid in Friuli Venezia Giulia sono temi che non possono essere trattati con leggerezza. Ritengo quindi necessario approfondire i contenuti della lettera diffusa dal presidente regionale dell'Aaroi Emac Friuli Venezia Giulia, nonché responsabile del Pronto soccorso dell'ospedale Maggiore di Trieste e della gestione delle urgenze territoriali presso l'Asugi, dottor Alberto Peratoner".

Lo ha dichiarato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, confermando di aver fissato per sabato 10 parile, alle 17, nella sede delle Protezione civile di Palmanova, un incontro con il dottor Peratoner e i vertici della sanità regionale.

"Voglio capire con esattezza quanto afferma il dottor Peratoner ed ascoltare nel merito anche le posizioni dei responsabili delle aziende sanitarie. Da oltre un anno tutto il servizio sanitario regionale sta compiendo uno sforzo enorme per contrastare la diffusione del Covid-19 e assistere le persone colpite dal virus o da altre patologie. È quindi importante fare chiarezza su quanto ho letto."

Video del giorno

Terremoto in Australia, il momento della scossa: il sisma sorprende gli sciatori

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi