Spostamenti verso case di amici e parenti il giorno di Pasquetta, il venerdì più persone al supermercato: cosa dicono i dati Google sui movimenti dei friulani durante le feste

UDINE. Zona rossa con la sola deroga di spostamento verso amici e parenti a Pasqua e Pasquetta. Queste le regole del governo ma, stando ai dati pubblicati da Google, il Lunedì dell’Angelo i friulani hanno scelto di muoversi di più rispetto agli altri giorni del weekend festivo. 

✉ CORONAVIRUS, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE: È GRATUITA

L’azienda americana – che aggiorna i numeri sugli spostamenti delle persone che utilizzano le applicazioni di Google rendendoli anonimi e quindi garantendo la privacy – ha tirato le somme dei movimenti di Pasqua e pasquetta.

Come funziona. Google ha messo insieme i dati delle prime cinque settimane del 2020, quando il virus non aveva ancora colpito la nostra regione e a mala pena se ne parlava in Italia – e li ha confrontati con i giorni di questo 2021. L’elenco e il dettaglio sono stati poi pubblicati settima per settimana dalla compagnia di Mountain View. 


Verso casa di amici e parenti

A Pasquetta, dunque, i movimenti dei friulani verso altre abitazioni sono aumentati del 27% rispetto alle prime settimane del 2020. Il dato è paragonabile solamente alle altre festività degli ultimi mesi (Natale, Capodanno ed Epifania) ed è superiore anche al giorno di Pasqua, quando gli spostamenti sono aumentati del 12%. 
 


Valori simili per tutte le ex province: si va dall’aumento del 29% a Pordenone fino al 24% di Trieste con Udine e Gorizia in mezzo, rispettivamente al 28% e 26%. 

Luoghi di lavoro
Sì sa. il giorno di Pasqua e Pasquetta l’Italia si ferma. Non sorprende quindi il crollo nel fine settimana con -84% di spostamenti, a livello regionale, verso il luogo di lavoro. Va precisato anche che Google, confrontando il periodo festivo con le prime cinque settimane del 2020, non tiene conto che nel primo periodo dello scorso anno era praticamente inusuale lo smart working. In un periodo che sembra un secolo fa, lavorare in ufficio e non da casa era la quotidianità e gli spostamenti verso questi luoghi erano molto, molto più frequenti.

Più di valore è dunque il dato di Pasqua, una domenica: confrontato con la media delle prime domeniche del 2020, la riduzione degli spostamenti verso l’ufficio è stata del 30%. Anche in questo caso a incidere sul calo tutte le attività commerciali chiuse per la zona rossa.  

Tempo libero
Questi ultimi (bar, ristoranti, centri commerciali) Google li inserisce in una categoria specifica definitaRetail e tempo libero”. Gli spostamenti dei clienti verso questo tipo di attività sono crollati dell’80% sia a Pasqua che a Pasquetta. Un picco verso il basso registrato nel 2021 e il dato più critico da Natale e Capodanno, altre giornate di zona rossa e di chiusura obbligata. 

Negozi di alimentari

Chiusi quindi ristoranti e bar, le famiglie si sono radunate, per un numero massimo di persone ed evitando assembramenti, in casa per il pranzo pasquale. Una consuetudine che viene confermata anche dai dati Google: il venerdì prima di Pasqua gli spostamenti verso i negozi di alimentari sono aumentati del 28% rispetto ad un venerdì qualsiasi delle prime settimane del 2020. 


Numeri in linea anche con le altre festività: il 23 dicembre e il 30 dello stesso mese, prima di Natale e Capodanno, le visite ai supermercati erano aumentate del 50% e del 30%. 

Spostamenti

Da inizio novembre gli spostamenti verso le altre Regioni sono vietati se non per motivi di lavoro, salute o necessità. Da fine 2020, gli spostamenti si sono ridotti del 20 per cento rispetto all’inizio dell’anno, con un segno meno soprattutto la domenica (meno spostamenti e meno pendolarismo di studenti e lavoratori). 


Nei giorni di Pasqua e Pasquetta la riduzione del traffico con mezzi pubblici è stata del 50% e 62%. Una flessione rispetto alle prime cinque settimane del 2020 che, seppur non comprovata dai dati di Google, si spiega facilmente così: nei giorni festivi ci si sposta di meno con mezzi pubblici. Tanto più in zona rossa. 

Parchi

Il governo ha dedicato una sezione specifica su parchi e giardini pubblici. Dimenticate le grigliate e i pic nic, nelle aree verdi era possibile solo fare una passeggiata (rimanendo vicino casa) o portare i bambini al parco. Si spiega così il -42% degli spostamenti verso queste aree rispetto ad una domenica delle prime settimane del 2020. 
 

Video del giorno

Morte del sindacalista, schiaffo al responsabile della sicurezza in diretta tv

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi