Contenuto riservato agli abbonati

Cucina il pesto con un'erba velenosa e muore intossicato. L'autopsia sulla vittima: la dose è stata subito fatale

Il pensionato si è rivolto al medico di base venti ore dopo l’ingestione del colchico: ormai l’intossicazione era irreversibile 

TRAVESIO. Dopo 20 ore, il processo di intossicazione innescato dall’assorbimento della colchicina, il veleno letale contenuto nel falso zafferano, era già irreversibile. Erano già trascorse quando Valerio Pinzana, 62 anni, di Travesio, ha telefonato al suo medico di famiglia per chiedere un consiglio. È quanto emerge dalle prime valutazioni dopo l’autopsia, eseguita ieri dall’anatomopatologo Giovanni Del Ben.

Al vaglio della procura eventuali profili di responsabilità nel decesso di Pinzana.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Metropolis/13 Live Speciale Quirinale - Salti di fine stagione. Con Corrado Augias e Stefano Folli

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi