Pochi dottori nelle Valli del Natisone

«La situazione nella zona delle Valli del Natisone resta preoccupante: oltre a non potersi affidare a tutti i servizi e i reparti dell’Ospedale di Cividale, i cittadini non hanno nemmeno la possibilità di contare su un numero sufficiente di medici di famiglia all’interno del proprio ambito territoriale». Dopo la seduta della III Commissione, in cui si è trattato il tema della carenza dei medici di medicina generale, Simona Liguori, consigliere regionale dei Cittadini, riflette sui dati. «Per quanto riguarda gli incarichi di assistenza primaria in Fvg sono 79 le zone carenti pubblicate nel marzo del 2020 e sono 20 quelle rimaste vacanti causa rinuncia o non scelta: nello specifico, per quanto riguarda i comuni di Drenchia, Grimacco, Pulfero, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Savogna e Stregna, nessuno ha chiesto l’incarico – spiega Liguori –. E oggi, secondo quanto indicato nel decreto del direttore del Servizio assistenza distrettuale e ospedaliera pubblicato il 22 marzo 2021, sono due i medici mancanti nell’ambito sopra citato: ci auguriamo che le procedure, quest’anno, permettano una svolta». —

Video del giorno

Napoli, il boss in Ferrari alla comunione del figlio

Pakora con tzatziki di avocado

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi