Contenuto riservato agli abbonati

Zona gialla: ecco tutte le risposte su seconde case, bar, ristoranti e sport

Cadono le restrizioni e i divieti in vigore dall’inizio di marzo. Nel decreto qualche novità rispetto alle vecchie disposizioni



Dopo lo stop durato quasi due mesi, il Friuli Venezia Giulia passa di nuovo in zona gialla con tutte le novità anticipate da Draghi.


Cadono, quindi, da lunedì 26 aprile i primi divieti imposti in queste settimane (era il 6 marzo quando Udine e Gorizia passavano in zona arancione, seguite pochi giorni dopo da Trieste e Pordenone), misure necessarie per limitare gli effetti della variante inglese e della terza ondata che ha duramente colpito la nostra regione.

Gli aggiornamenti, contenuti nel decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, riguardano sopratutto gli spostamenti tra regioni e le attività commerciali. Ecco allora le risposte alle domande più frequenti.

Posso spostarmi tra regioni di colore diverso?

Sì, dal 26 aprile fra le regioni gialle ci si potrà muovere liberamente. Sempre in zona gialla, via libera anche agli spostamenti all'interno della regione. Per andare, invece, in una zona arancione o rossa sarà necessario avere l’autocertificazione (che attesta i soliti tre motivi, quindi lavoro, necessità e salute) o il green pass.

Cosa vuol dire green pass? E come lo ottengo?

È l’attestazione che può essere rilasciata a chi ha fatto il vaccino o a chi è guarito dal Covid oppure a chi ha effettuato un tampone antigenico o molecolare nelle 48 ore precedenti. In caso di vaccinazione o di tampone, viene rilasciato dalla struttura che ha effettuato la vaccinazione o il test, in caso di guarigione dal Covid dall’ospedale nel quale si è stati ricoverati o dal medico di famiglia.

Anche i bambini piccoli devono fare il tampone per il green pass?

Sì. Il tampone è obbligatorio per tutti ad eccezione dei bimbi sotto i 2 anni.

Posso andare con i miei amici nella seconda casa?

Dal 26 aprile nelle seconde case, che si trovano in zona gialla o arancione, si potrà andare anche con parenti e amici: al massimo in quattro persone. In zona rossa soltanto il nucleo familiare e la casa deve essere disabitata.

È possibile spostarsi per accompagnare i figli dai nonni?

È possibile ma fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da Covid-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone.

Posso fare la spesa in un Comune diverso dal mio?

Sì è consentito a patto che si resti all’interno della stessa Regione. La regola vale per qualsiasi tipo di spesa.

Quando serve l’autocertificazione?

Con la zona gialla sparisce l’autocertificazione per gli spostamenti tra comuni e all’interno della propria regione. È essenziale però per i viaggi dalle 22 alle 5: si deve essere sempre in grado di dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e locali.

I centri commerciali apriranno in zona gialla nel fine settimana?

No. Nel testo finale, arrivato in Gazzetta Ufficiale, del Decreto scompare il riferimento (previsto in un primo momento nelle bozze) all’apertura dei centri commerciali, parchi commerciali e strutture analoghe nei fine settimana a partire dal 15 maggio.

I ristoranti e i bar riaprono?

Dal 26 aprile 2021, nella zona gialla, sono consentite le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, con consumo al tavolo esclusivamente all'aperto, anche a cena, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti.

Dal primo giugno, sempre in zona gialla, i ristoranti e i bar potranno aprire anche al chiuso ma fino alle 18. Quindi si potrà solo pranzare.

È consentito fare attività motoria o una passeggiata?

Sì, dalle 5 alle 22.

Posso andare in bicicletta?

È possibile utilizzare la bicicletta per spostarsi. Nel caso di semplice attività motoria bisogna mantenere una distanza dalle altre persone di un metro, che sale a due se si tratta di attività sportiva.

Le palestre riaprono?

Dal 26 aprile saranno consentiti gli sport all'aperto mentre il primo giugno riapriranno al chiuso anche le palestre. Nelle linee guida delle Regioni è stato chiesto di regolamentare l'accesso agli attrezzi, delimitando le zone per garantire almeno un metro di distanza tra le persone che in quel momento non svolgono attività fisica e almeno due metri durante l'attività fisica e di evitare lo sport da contatto fisico.

Quando posso tornare in piscina? E i parchi acquatici?

Le piscine all'aperto riapriranno il 15 maggio e per la stessa data dovrebbe essere prevista per gli stabilimenti balneari. Dal primo luglio ripartono gli stabilimenti termali e parchi tematici. Le linee guida proposte dalle Regioni chiedono prenotazioni per l'accesso alle piscine e liste da conservare almeno per 14 giorni, oltre a postazioni che permettano la distanza di almeno due metri tra le persone.

Posso tornare a giocare a calcetto?

Sì, come per tutti gli sport di contatto. In zona gialla, dal 26 aprile sarà consentito qualsiasi sport all’aperto, anche di squadra e di contatto. Si può, per esempio, tornare a giocare a calcetto o pallavolo, è però vietato l’utilizzo degli spogliatoi.

Quando saranno riaperti gli stadi?

In zona gialla, si potrà tornare ad assistere a una partita o a una manifestazione sportiva dal vivo dal primo giugno, quando saranno riaperti stadi e palasport. Ma ci sarà un limite massimo del 25% della capienza e comunque una soglia di mille spettatori all’aperto e 500 al chiuso.

Devo indossare sempre la mascherina?

I dispositivi di protezione individuale sono obbligatori all’aperto o al chiuso in luoghi diversi dalla propria abitazione. Possono non indossarla i bambini sotto i 6 anni e persone con patologie o invalidità che non consentono l’uso della mascherina. All’obbligo si può derogare mentre si fa attività sportiva, mentre si mangia o si beve, quando si sta da soli o con i propri conviventi.

Posso andare al cinema? E a teatro?

Dal 26 aprile teatri, cinema e spettacoli tornano ad essere consentiti in zona gialla all'aperto. Al chiuso gli spettacoli saranno consentiti con i limiti di capienza fissati per le sale dai protocolli anti contagio. Musei aperti in zona gialla. —
 

Video del giorno

Antartide: Pine Island, il timelapse del ghiacciaio che si sbriciola

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi