Giorgio e Greta del liceo Martin in gara alle Olimpiadi di italiano

LATISANA

In Italia sono solo due le scuole superiori a poter vantare due studenti finalisti alle Olimpiadi di Italiano e una di queste è il liceo “Martin” di Latisana che alla finale nazionale, in programma l’11 maggio (rigorosamente online), porterà un finalista assoluto come Giorgio Valleri della 2ª BL (che accede alla gara nazionale come finalista assoluto grazie al sesto miglior punteggio conquistato tra tutti gli studenti in gara per la categoria junior) e Greta Madinelli della 5ª AL, ventinovesima della classifica generale senior (è la finalista per il Friuli Venezia Giulia).


I due “bravissimi”, dopo aver superato la fase d’Istituto e la semifinale, hanno conquistato la finale nazionale della manifestazione promossa per il decimo anno consecutivo da Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e rivolta agli istituti secondari di secondo grado: una competizione che vede l’alto patronato del Presidente della Repubblica e che si colloca nell’ambito di una più ampia iniziativa culturale di valorizzazione della lingua e della letteratura italiana intitolata “Giornate della lingua italiana”.

Come spiega Lorena Carbonari, la docente referente assieme alla collega Laura Paviotti, «sono già alcuni anni che l’Isis Mattei di Latisana (di cuifa parte il liceo Martin, ndr) ha inserito la partecipazione alle Olimpiadi tra i progetti volti a promuovere il merito e a valorizzare le eccellenze, in questo caso nell’ambito delle competenze linguistiche in italiano, ma anche, più in generale, come incentivo per migliorare la conoscenza e la padronanza della lingua italiana. Davvero un bel traguardo per i due campioni e per la nostra scuola», commenta la loro insegnante.

Grande soddisfazione «per questi due ragazzi che hanno saputo portare il nome del nostro istituto alla ribalta nazionale nell’ambito di un’iniziativa che tende a valorizzare le eccellenze», commenta Luca Bassi, il dirigente dell’Isis Mattei di Latisana e Lignano Sabbiadoro. «Siamo la seconda scuola con due studenti classificati alle fasi finali e questo è motivo di soddisfazione anche per il corpo docenti che ha accompagnato questi ragazzi con modelli ed esempi, perché anche un ragazzo particolarmente dotato, se non sollecitato o incuriosito nel modo giusto, non dà il massimo». —

Video del giorno

Crudeltà e orrore in un macello di Cremona, la video-inchiesta

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi