Shopping il primo maggio, successo dell’iniziativa

Lo shopping del primo maggio in centro a Pordenone (foto Missinato)

La gente ha apprezzato negozi e bar aperti in città. Vaccini agli under 60 “fragili”, prenotazioni senza resse in farmacia

PORDENONE. E’ stato un primo maggio inusuale, all’insegna dello shopping, a Pordenone. L’iniziativa dell’Ascom – festeggiare i lavoratori… lavorando, dopo tanto tempo di stop forzato causa Covid – è stata apprezzata dai cittadini. Nonostante il bel tempo che in mattinata suggeriva una scampagnata, magari una gita al mare, sono stati molti coloro che hanno scelto la passeggiata in centro. Anche perché oltre a numerosi negozi aperti c’era anche il consueto mercato del sabato.

“Ho visto un bel movimento in città – ha affermato Antonella Popolizio di Federmoda –, ho parlato con clienti che mi hanno confessato di essere tornati in centro dopo mesi di assenza. La gente era attenta, chiedeva se poteva entrare, gli ingressi comunque erano contingentati, alcuni negozi hanno messo un addetto all’ingresso. Insomma, shopping sì ma con tutela per clienti e lavoratori. È stata un’iniziativa ben riuscita, che ha coinvolto la stragrande maggioranza dei negozi del centro. La città ha risposto bene, sia la mattina, complice il mercato, sia nel pomeriggio all’ora dell’aperitivo”.

In effetti erano aperti anche i bar. “Abbiamo aderito all’iniziativa – ha commentato Fabio Cadamuro, presidente locale della Federazione italiana pubblici esercizi – che prevedeva l’apertura dei bar anche il primo maggio per dare un segnale alla città di ottimismo e voglia di ripartire. Con responsabilità e attenzione alle regole. La mattinata con il mercato e nell’ora dell’aperitivo abbiamo lavorato bene. I clienti sono stati rispettosi e attenti”.

Primo maggio al lavoro anche in alcuni centri commerciali: molti erano chiusi, altri hanno tenuto aperte soltanto le attività essenziali. Molta gente nei supermercati: file di persone con il carrello anche all’ora di pranzo al Lidl e all’Interspar di Pordenone, nonché al Bennet di Sacile e pure nei bazar a gestione cinese. “Un primo maggio mai visto”: questo il commento dei gestori dei bar lungo i corsi del centro storico cittadino e in piazza del Popolo a Sacile.

E’ stato pure il giorno di apertura alle prenotazioni dei vaccini anti-Covid per gli under 60 con patologie croniche. Le prenotazioni sono state molte, ma senza alcun “assalto” alle farmacie di turno, un po’ perché in realtà le liste erano state aperte già venerdì alle 12 e un po’ perché, come ha rimarcato un farmacista, con l’abbassarsi dell’età le persone che intendono prenotare il vaccino lo fanno più semplicemente in autonomia, per esempio  chiamando il Centro di prenotazione unica.

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi