Contenuto riservato agli abbonati

Martedì l'ultimo saluto a Silvia, la giovane ciclista travolta e uccisa a 17 anni

Un pomeriggio tragico quello in cui Silvia, mentre stava pedalando in sella alla sua bici lungo il rettilineo della ex strada provinciale 5 è stata travolta e da un’autovettura

SEDEGLIANO. La data dei funerali della ciclista 17enne Silvia Piccini è stata fissata per martedì, 4 maggio, alle 16 nella chiesa parrocchiale di Gradisca di Sedegliano, frazione in cui la giovane, morta in un incidente stradale in cui era stata coinvolta nel pomeriggio di martedì 21 aprile, viveva.

Un pomeriggio tragico quello in cui Silvia, mentre stava pedalando in sella alla sua bici lungo il rettilineo della ex strada provinciale 5 è stata travolta e da un’autovettura. Le sue condizioni erano apparse subito gravissime, la speranza che potesse farcela era durata solo due giorni poi la giovane, nonostante il prodigarsi dei medici della terapia intensiva dove era ricoverata, è morta.

I genitori in un estremo atto di coraggio hanno consentito all’espianto degli organi. La notizia della scomparsa di Silvia, una brava, buona e bella ragazza, una promessa del ciclismo femminile, passione che conservava fin da piccola, ha lasciato un segno nella comunità di Sedegliano, tra i suoi amici, ma soprattutto nel mondo del ciclismo regionale e nazionale. Martedì saranno in tanti, mantenendo le dovute distanze di sicurezza anti Covid, a dare l’ultimo saluto a Silvia.

Video del giorno

Propaganda Live, i silenzi di Matteo Salvini secondo Alessio Marzili

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi