Contenuto riservato agli abbonati

I numeri da chiamare per la prenotazione, i codici di esenzione e i vaccini a disposizione: tre cose da sapere sulla campagna vaccini in Fvg

UDINE. Esiste una platea di poco meno 80 mila persone che possono vaccinarsi contro il coronavirus, ma che, almeno al momento, non hanno preso d'assalto, come avvenuto invece per altre categorie e fasce d'età, i sistemi di prenotazione regionali. Si tratta, nel dettaglio, degli under 60 affetti da particolari patologie, ma non a livello di gravità degli estremamente fragili, cui la Regione ha concesso, appunto, di richiedere l'immunizzazione.

La Direzione Salute ha prodotto un elenco più specifico basato sui codici di esenzione (ma non soltanto come riferiamo a parte). Una lista che lascia comunque la possibilità al medico di base, e a coloro che svolgono l'anamnesi nei centri vaccinali, di allargare il loro spettro d'azione, ma che aiuta a fare chiarezza (Qui l’elenco completo consultabile e scaricabile)


Di seguito invece tre focus sull’agenda vaccinale in Friuli Venezia Giulia che rispondono alle domande più frequenti dei lettori: come prenotare il vaccino, chi può farlo e quale dose viene assegnata. 
 

Ok anche senza il codice d'esenzione
La via più semplice, e quasi automatica, per capire se si rientra, o meno, nelle categorie del quarto step del piano vaccinale, e dunque tra coloro che hanno diritto all'immunizzazione, è sicuramente quella di verificare il proprio codice di esenzione che si può facilmente reperire sulla tessera sanitaria cartacea oppure collegandosi al portale del fascicolo elettronico Sesamo (ma non sull'app).Attenzione, però, perché non è l'unico modo per prenotarsi (e vaccinarsi) in questo particolare step della campagna. Chi non è in possesso del codice di esenzione, ma soffre delle patologie incluse nella tabella pubblicata in pagina, si può prenotare comunque senza patemi e dovrà presentarsi al centro vaccinale con la documentazione che attesti la patologia inclusa nelle classi elencate nella tabella stessa. Quanto alla documentazione, oltre all'attestazione dell'esenzione, ci si può presentare anche con la lettera di dimissione, la diagnosi specialistica per quella patologia, il piano terapeutico e così via

Cup, call-center, farmacie e web-app
Sono quattro, per i cosiddetti fragili under 60, i metodi messi in campo dall'assessorato alla Salute di Riccardo Riccardi per potersi prenotare e, quindi, vaccinare. La via scelta dalla maggior parte dei cittadini, sinora, ha portato alle oltre 300 farmacie che hanno aderito alla campagna, ma ci si può anche rivolgere ai Cup delle Aziende sanitarie, contattare il call center unico regionale componendo lo 0434/223522 oppure utilizzare la web-app in funzione, in Friuli Venezia Giulia, da metà aprile.In quest'ultimo caso, l'accesso è consentito 24 ore al giorno, può avvenire tramite lo Spid oppure attraverso l'inserimento del numero di tessera sanitaria e del codice fiscale e sarà richiesto un numero di cellulare al quale verrà inviato un codice di conferma per la prenotazione della vaccinazione. Il servizio autorizza la prenotazione sia per se stessi sia per altre persone e consente di scegliere se dare priorità alla disponibilità, fissando quindi la prima dose indipendentemente dalla sede, oppure al luogo dove effettuarla. La web app è raggiungibile all'indirizzo https://vaccinazioni-anticovid19.sanita.fvg.it. 

PER APPROFONDIRE
L’indirizzo, l’accesso con Spid e le opzioni da scegliere: ecco come si prenota il vaccino con l’app della Regione passo dopo passo

Quali vaccini: da domenica 2 maggio J6J in regione
Anche in Friuli Venezia Giulia, da ieri, è cominciata ufficialmente la somministrazione delle prime dosi di vaccino di Johnson&Johnson che, a differenza degli altri sieri, ha il vantaggio di essere monodose ed è un farmaco a vettore virale composto da un vettore ricombinante basato su adenovirus umano.Le prime 3 mila unità di vaccino erano arrivate in regione nella seconda metà di aprile prima, cioè, che l'Ema optasse per un surplus di indagine sui (minimi) rischi di possibile trombosi. Dopo il nuovo via libera dell'autorità di regolamentazione europea e la decisione da parte del ministero della Salute, esattamente come accaduto per AstraZeneca, di raccomandarne un uso preferenziale nelle persone di età superiore ai 60 anni, alcune Regioni avevano immediatamente cominciato la somministrazione, ma non il Friuli Venezia Giulia. Sabato, però, in regione è stato consegnato un ulteriore stock di 3 mila 100 dosi. A quel punto, evidentemente, si è deciso di utilizzare anche le (ancora poche) scorte Johnson&Johnson in magazzino.

PER APPROFONDIRE

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi