Mutui agevolati per giovani, esenzione ticket per chi ha avuto il Covid e smart working fino a settembre: il Decreto sostegni bis spiegato bene

UDINE. Arrivano altri 20 miliardi di sostegni alle imprese colpite dal Covid, circa 14 sotto forma di contributi a fondo perduto calcolati in base alle perdite di fatturato, più altri 6 tra sgravi e cancellazione di tasse e tributi. In tutto sono 48 gli articoli del nuovo «decreto Sostegni» che entro la fine settimana dovrebbe approdare sul tavolo del Consiglio dei ministri e mobilitare altri 40 miliardi a sostegno delle attività economiche. Ecco il dettaglio delle nuove misure

Casa, tutela sui mutui per gli under 36

Tutti coloro che hanno meno di 36 anni e comprano una prima casa potranno accedere al Fondo di garanzia sui mutui per la prima casa. Il Dl Sostegni bis, infatti, amplia la platea dei beneficiari delle agevolazioni casa destinate ai giovani che sino ad oggi erano riservate ai soli under 35 con un lavoro atipico. Gli under 36 non dovranno inoltre pagare l'imposta di registro e l'imposta ipotecaria e catastale e vedranno dimezzati anche gli onorari notarili. Le agevolazioni non riguardano l'acquisto di case di prestigio e valgono per gli atti stipulati fino a fine 2022. Prevista anche l'esenzione dell'imposta sui finanziamenti per l'acquisto e la ristrutturazione delle abitazioni.

Reddito d'emergenza, prorogato di 2 mesi alle famiglie in crisi
A favore dei soggetti e delle famiglie più in difficoltà per il 2021 saranno riconosciute altre due quote di reddito di emergenza relative ai mesi di giugno e luglio allungando la durata (marzo, aprile e maggio) del Rem previsto nel primo decreto Sostegni. La domanda per questi nuovi contributi deve essere presentata all'Inps entro il 30 giugno 2021. Sempre a favore delle famiglie disagiate vengono poi stanziati 500 milioni per misure di economia sociale: nella fattispecie aiuti alimentari, contributo per il pagamento degli atti e delle utenze domestiche. Sono poi prorogate al 31 dicembre 2021 le deroghe per l'accesso al Fondo di solidarietà per la sospensione dei mutui relativi alla prima casa. 

Sanità, esenzione ticket per le cure post Covid
Prestazioni di specialistica ambulatoriale esenti dal ticket per i due anni di monitoraggio post Covid. Grazie a uno stanziamento di 49,7 milioni di euro verrà attivato un protocollo sperimentale di monitoraggio che prevede l'esecuzione di prestazioni di specialistica ambulatoriale, contenute nei Livelli essenziali di assistenza. L'obiettivo è quello «di garantire una presa in carico omogenea sul territorio nazionale delle persone che hanno avuto un quadro clinico severo Covid 19 correlato e che potrebbero nel tempo mostrare effetti cronici della malattia». Il pacchetto consente il controllo delle principali funzioni interessate dalla malattia: cardiaca, respiratoria, renale ed emocoagulativa.

Credito, per i prestiti alle Pmi proroga a fine anno
Estese fino alla fine dell'anno le misure di liquidità per le imprese. Arriva la proroga al 31 dicembre delle moratorie per le Pmi, (attualmente fino al 30 giugno). L'estensione vale per tutti i prestiti e i finanziamenti erogati prima di marzo 2020 e solo per la quota capitale delle rate per i prestiti che scadono tra luglio e dicembre 2021. Prorogati con alcune rimodulazioni i regimi del Fondo di garanzia per le pmi e di Garanzia Italia rilasciata da Sace. Per i finanziamenti fino a 30mila euro garantiti dal Fondo pmi l'entità massima di garanzia rilasciabile scende però dal 100% al 90%. Inoltre sia per le nuove che per le operazioni in essere si prevede la proroga delle garanzie e dei finanziamenti garantiti. 

La plastic tax slitta al 1 gennaio 2022
La plastic tax slitta ancora: il governo ha infatti deciso di differire dal 1 luglio al primo gennaio 2022 l'introduzione del prelievo (0,45 cent per chilogrammo) il prelievo sulle plastiche. Canta vittoria Matteo Salvini, che parla di nuovo passo verso l'abolizione definitiva di questa tassa. Ma soprattutto applaude tutto il comparto dell'agroalimentare. «Non si sarebbe potuto far gravare sulle famiglie italiane un costo aggiuntivo in un momento di crisi così pesante» ha commentato Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia. A suo parere «la riduzione dell'uso di plastica è un processo che deve essere intrapreso premiando chi si adegua e chi mette in atto pratiche virtuose».

Banche, sale a 4,5 miliardi il premio per Mps
Il governo rivede le misure per agevolare le fusioni tra imprese e ne prolunga la durata fino al giugno 2022. La conseguenza più significativa è che il premio fiscale per l'acquirente di Mps sale da 3 a 4,5 miliardi lordi, 3,35 miliardi al netto della commissione da pagare all'Erario. Nel Sostegni-bis passa infatti dal 2% al 3% degli attivi totali post-fusione il tetto massimo per convertire le Dta (asset fiscali differiti) in crediti d'imposta, computabili a bilancio nel Cet1. Conseguenze dirette anche sull'acquisizione di Creval da parte del Credit Agricole. La rimodulazione della misura sulle Dta aumenta il beneficio per la banca francese da 135 a circa 200 milioni.

Innovazione, sgravi fiscali per le start-up
Il nuovo decreto Sostegni contiene interventi non solo di sostegno ma anche per favorire lo sviluppo di nuove attività. In particolare una spinta alle start up e alle piccole e medie imprese innovative arriva dalla decisione di cancellare sino a tutto il 2025 l'imposta al 26% sulle plusvalenze che derivano dalla cessione di partecipazioni in questo tipo di attività. Si tratta di un'agevolazione, come detto, temporanea (i limiti temporali esatti devono ancora essere fissati ma nel testo si fa riferimento ad un arco temporale che va dal 2021 al 2025) e che prevede alcuni paletti: le plusvalenze devono essere reinvestite in start up o pmi innovative e devono essere possedute per almeno tre anni. 
 

Smart working fino al 30 settembre
Mentre nel settore pubblico da inizio mese è venuta meno la soglia minima del 50% nel settore privato, lo smart working viene prorogato sino al 30 settembre 2021. La disposizione «può essere applicata dai datori di lavoro privati a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali». Intanto il ministro della Pa Renato Brunetta ha annunciato che «il 12 maggio verrà insediato l'osservatorio sul lavoro agile che avrà il compito di monitorare costantemente la situazione». La risposta data dalle amministrazioni centrali e locali nel primo giorno di applicazione del nuovo regime è stato giudicato positivamente dal ministro: «Si sono mosse con intelligenza e flessibilità».

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi