In via Gemona posato il nuovo porfido, ma la strada riaprirà fra qualche giorno

UDINE. Ci vorrà ancora qualche giorno prima della riapertura al traffico (viste le pessime previsioni meteo, è probabile si dovrà attendere fino a lunedì prossimo), ma l’intervento per la posa del nuovo porfido in via Gemona è già stato portato a termine.

La ditta incaricata ci ha messo poco più di un mese per rifare il tratto che da via Deciani porta in piazzale Osoppo.

Nell’attesa che la speciale resina si asciughi, la strada resta percorribile solo ai frontisti e alle biciclette.

Al taglio del nastro simbolico sono intervenuti il sindaco Pietro Fontanini, il suo vice Loris Michelini, i tecnici comunali e le rappresentanze delle ditte coinvolte nei lavori.

Per la città si tratta dell’ennesimo rifacimento di una strada in porfido dopo quelli di via Poscolle e via Aquileia.

In corso ci sono i lavori di via Vittorio Veneto e, una volta conclusi, si passerà a via Grazzano e a via Superiore.

L’opera di via Gemona è costata 800 mila euro (comprende anche il rifacimento del primo tratto portato a termine qualche mese fa).

Soddisfatto il sindaco Fontanini: “L’impresa è stata rapida e ha lavorato bene, e la ringraziamo per questo. Un intervento che qualifica una delle porte della città, borgo storico della nostra Udine”.

Michelini, nel suo intervento, ha posto l’accento sul fatto che oltre alla pavimentazione in porfido si è provveduto anche al rifacimento di tutti i sottoservizi.

Tra le curiosità dell’intervento, la posa di piastre bianche per gli attraversamenti pedonali evitando così di realizzare le strisce bianche con vernici che nell’arco di pochi mesi si scoloriscono.

Video del giorno

Napoli, il boss in Ferrari alla comunione del figlio

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi