Nuovo Ponte Meduna Sarà realizzato il progetto con lo stemma della città

La vittoria, per 75 centesimi di punto, è andata a Matildi-Coprogetti-Idrostudi Oltre all’aspetto architettonico, hanno contato tenuta anti-piene e pista ciclabile 



Il nuovo ponte sul Meduna ha ora unimmagine. Il progetto che sarà realizzato, grazie ai 23 milioni di euro stanziati dalla Regione, è quello elaborato dall’associazione temporanea di impresa formata dallo studio di ingegneria Matildi di Bologna (mandataria), da Cooprogetti di Pordenone e Idrostudi di Trieste (mandanti). Il «monumento architettonico», per dirla con il dirigente dell’area tecnica Maurizio Gobbato, evocherà nella forma lo stemma della città. La gara, come ha spiegato il presidente di commissione, l’architetto Maurizio Bradaschia nella seduta pubblica tenutasi ieri on line, è stata molto combattuta.


testa a testa

Basti pensare che tra primo e secondo ci sono solo 75 centesimi di punto di differenza: 73,5 a 72,75. Il primo progetto, secondo Bradaschia, ha vinto per la «congruenza tra forma architettonica e funzione del ponte» dove nell'architettura spicca la valorizzazione «dei simboli della città». Al secondo posto è arrivata la Sbg & partners (Biggi Guerrini ingegneria) di Roma, con un progetto che aveva ricevuto il punteggio più alto per quel che riguarda gli aspetti viabilistici in quanto «separava con una soluzione molto bella la ciclabile» ha spiegato il commissario Marco Venturini, che assieme a Bradaschia, Roberto Bassi, Anna Busolini, ed Emma Taverna – tutti professionisti competenti in un ambito specifico (dalla viabilità alla sicurezza ecc.)ha analizzato gli elaborati in forma anonima. L’architettura richiamava la corona delle montagne sullo sfondo.

gli altri Premiati

Al terzo posto, anche in questo con un punteggio molto vicino ai primi due (70,5), la proposta di Bolina Ingegneria di Mestre. Il quarto e il quinto progetto sono stati realizzati rispettivamente dalle mandatarie Exe engineering di La Spezia e da L&S engineering srl della provincia di Belluno. Si tratta di due progetti simili anche dal punto di vista architettonico.

la commissione

La commissione ha lavorato con grande sintonia e ha evidenziato la grande qualità dei progetti. I punteggi più alti sono arrivati ai progetti che, anche dal punto di vista realizzativo, si sono dimostrati maggiormente fondati su solide basi. Se l’architettura sembra aver giocato una chiave importante, in realtà valeva 15 punti massimo contro i 20 degli aspetti legati alla viabilità e altri 20 attribuibili a sicurezza statica e sismica. Del resto, come ha spiegato il responsabile unico del procedimento, Giovanni Spartà, «il ponte è stato realizzato tra la prima e la seconda guerra mondiale, quando lo scenario specialmente in termini di traffico, era completamente diverso. Negli anni quella che era una zona agricola è diventata una zona industriale e commerciale, con altri volumi di traffico». Il tecnico ha ricordato che, oltre a un problema di viabilità, il manufatto risentiva di una sempre più difficile tenuta delle piene del Meduna e della necessità di una pista ciclabile per garantire la permeabilità tra Pordenone e Zoppola.

il monumento

Se per il presidente di commissione il nuovo ponte potrà rivaleggiare con le “porte” di Calatrava a Reggio Emilia, per il dirigente dei lavori pubblici Maurizio Gobbato, che ha ringraziato la commissione per il lavoro svolto, il ponte di Pordenone sarà ancora più bello e si tratterà «di uno dei primi monumenti architettonici del territorio, a cui speriamo ne seguano altri».

premi e mostra

Il disciplinare di gara stabilisce che i cinque finalisti del concorso di idee siano premiati. Il primo premio vale 242 mila 283,04 (pari al 70 per cento dell’importo complessivo stimato, aumentato di 5 mila euro per le indagini geotecniche e geognostiche); al secondo classificato andrà un premio di 40 mila 677,09 euro (pari al 12 per cento dell’importo complessivo stimato), al terzo 27 mila 118,06 euro (pari all’8 per cento dell’importo complessivo stimato), al quarto 16 mila 948,79 euro (pari al 5 per cento dell’importo complessivo stimato), così come al quinto 16 mila 948,79 euro (pari al 5 per cento dell’importo complessivo stimato). L’amministrazione comunale, come spiegato ieri, si riserva anche la possibilità di organizzare una mostra con i diciotto elaborati che hanno partecipato per far conoscere ai cittadini la grande qualità dei progetti presentati. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi