Riccardi: “Con i medici di base in campo aumenteranno le adesioni alle vaccinazioni”

Al via le immunizzazioni all’ospedale di Gemona per tre sabati consecutivi

UDINE. «Per tre sabati consecutivi a partire dal 29 maggio, grazie alla collaborazione con il Distretto di Gemona del Friuli e i medici di medicina generale (Mmg) si potranno aumentare le vaccinazioni nel Gemonese: saranno disponibili 154 dosi di vaccino anti Covid-19 per un totale di 462 dosi, con possibilità di un futuro incremento».

Lo comunica il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. La somministrazione verrà effettuata nel nosocomio gemonese, ingresso ambulatori area vaccinazione, con 3 medici di base e 3 operatori del Distretto nei giorni 29 maggio, 5 e 12 giugno.

«Oltre alla programmazione settimanale dal lunedì al venerdì nel punto vaccinale »Le Manifatture«, che ha una capacità vaccinale di 1000 vaccini al giorno a seconda della disponibilità di dosi che lo Stato mette a disposizione della Regione - ha indicato Riccardi -, si è deciso di implementare la vaccinazione nel Gemonese grazie anche alla disponibilità dei medici di medicina generale aprendo l'immunizzazione a tutte le fasce d'età in modo alternato e secondo le agende». «L'obiettivo è incrementare e agevolare la vaccinazione nella popolazione», ha aggiunto Riccardi, sottolineando l'importanza della presenza del medico di base che «è in grado di raggiungere anche le fasce più resistenti e soprattutto le persone fragili».

Per dare risposte alla popolazione della montagna, oltre all'apertura dell'immunizzazione nei tre sabati indicati, si aggiungono le 22 dosi in più, per ciascuna seduta programmata, nei Comuni di Tolmezzo, Paluzza, Paularo, Ampezzo e Ovaro da domani ed è inoltre in programma l'implementazione dell'offerta a Tarvisio.

Video del giorno

Propaganda Live, i silenzi di Matteo Salvini secondo Alessio Marzili

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi