Contenuto riservato agli abbonati

La Carnia piange il maestro orafo Romano Pellegrina

Aveva 72 anni ed era malato da qualche mese. Fu lui a realizzare il gugjet, il cuore simbolo della Carnia

TOLMEZZO. La Carnia piange il maestro orafo Romano Pellegrina, talento raro e innovativo: lascia un patrimonio d’idee che sprona la sua terra a tradurre le radici in opportunità. Con la moglie Anna impreziosì, attualizzandoli, alcuni oggetti esposti al Museo carnico, come il gugjet (il cuore simbolo della Carnia)o la moneta di Jacopo Linussio, che dal 1991 ha rilanciato trasformandoli o in un gioiello o in un omaggio istituzionale (ne giunsero anche al Papa e al Presidente della Repubblica).

Sapeva guardare lontano Romano Pellegrina e credeva nel lavoro di squadra.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Masterchef 11, scontro diretto tra Locatelli e Federico sull'impiattamento: "Sembra cibo per cani"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi