In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
l’incontro

Dal Moma di New York Paola Antonelli invita a impegnarsi e a osare

Giulia Pegoraro
1 minuto di lettura





«È stato un anno complicato, io sono qua per voi e spero di ispirarvi ad osare, a non aver paura di fare errori» così ha esordito l’architetto Paola Antonelli, senior curator del dipartimento di Architettura e design al Moma di New York davanti alla platea, seppur virtuale, degli studenti dello Stellini in occasione di una delle conferenze dedicate all’orientamento.

Una brillante carriera nel mondo dell’arte spiegata dalla professionista con una metafora: come nel surf, anche nella vita conta l’abilità nel prendere le onde giuste ma bisogna fare fatica per arrivare all’onda. Un invito agli studenti a «lavorare duro, ma sempre con la consapevolezza che le onde sono lì per essere prese».

Paola Antonelli ha poi parlato di design e di come questo non solo influenzi il nostro modo di vivere ma anche ci permetta di conoscere e capire il mondo in cui viviamo tenuto conto che ciò che viene considerato design non comprende solo mobili ma anche videogiochi, tessuti e emoji, a dimostrare il dinamismo di un settore che continua ad innovare.

L’architetto Antonelli ha illustrato la sua idea originale e innovativa di arte e design attraverso la presentazione di una serie di esposizioni d’avanguardia.

Le ricerche regionali, ad esempio, hanno l’obiettivo di dissotterrare le collezioni sconosciute al grande pubblico. Infatti, lo studio delle produzioni artistiche provenienti da zone del mondo trascurate nella narrazione ufficiale è fondamentale per capire che non esiste solo un centro di gravità europeo ma ci sono tante altre realtà nel mondo con un passato pre-coloniale e un presente post-coloniale importante da esplorare.

E riguardo al ruolo dell’Italia nel campo del design e del Made in Italy, da sempre sinonimo di eccellenza, Paola Antonelli ha sottolineato come in un mondo che corre veloce, sia necessario cercare di scrollarsi di dosso i vecchi stilemi ed investire in altre forme di design e innovazione tecnologica per continuare a spingere e essere presenti nel futuro. «Solo quando come cittadini saremo diventati più esigenti dal punto di vista ambientale ed estetico potremo chiedere di più, e di meglio, da aziende e enti pubblici». —



I commenti dei lettori