Contenuto riservato agli abbonati

In discoteca con il green pass, niente coprifuoco, meno regole per palestre e piscine: le richieste delle Regioni

Linee guida per la zona bianca: Fedriga chiederà un incontro urgente con il Cts

UDINE. Superamento del coprifuoco, anticipazione delle date di apertura per sale bingo, casinò, fiere, wedding, parchi tematici e divertimento e ambulanti, utilizzo di doccia in palestra e piscina al chiuso, aperture delle discoteche da luglio con green pass e assimilazione delle discoteche a ristoranti dal primo di giugno al primo di luglio: sono queste le richieste che i governatori presenteranno al governo per modificare il decreto legge in vigore relativamente alla zona gialla.

✉ Coronavirus, iscriviti alla nostra newsletter settimanale: è gratuita

Nessuna decisione è stata invece ancora presa sulla proposta – tra gli altri del governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e presidente della Conferenza in testa – di imporre il coprifuoco alle 24 nelle regioni in fascia bianca, anche se la linea prevalente è quella di non avere alcun coprifuoco. I presidenti si trovano invece d’accordo sulla necessità di anticipare alcune riaperture e di adottare nella zona bianca gli stessi protocolli della zona gialla.

LA MAPPA. Più vaccini e meno contagi: ecco quali sono i comuni Covid-free in Friuli Venezia Giulia

Il calendario

Martedì 1 giugno diventano bianche Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Lunedì 7 giugno tocca a Veneto, Abruzzo, Umbria e Liguria. Lunedì 14 giugno tocca a Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio.


PER APPROFONDIRE. Il Friuli Venezia Giulia passa in zona bianca: ecco le quattro regole da rispettare e cosa cambia dal 1 giugno


Il coprifuoco
Preoccupati per un rialzo dei contagi, le Regioni avevano proposto che anche nella fascia bianca scatti il coprifuoco alle 24. Al momento, il decreto in vigore prevede che il coprifuoco in tutta Italia scatti a mezzanotte dal 7 giugno e venga eliminato dal 24 giugno. La proposta pare essere scartata definitivamente

La consumazione al tavolo

Fedriga chiederà incontro urgente con il CTS per chiarire le attività consentite e annuncia che ci sarà un incontro con il ministro della salute Roberto Speranza «per delineare le attività consentite in zona bianca». Tra le altre richieste c’è quella di imporre la consumazione al tavolo per bar e ristoranti all’aperto e impedire gli assembramenti.

Video del giorno

Tokyo2020, Draghi a Jacobs: "Non volevo disturbarti durante intervista, è colpa di Malagò"

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi