In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

La protesta dei sindaci in Carnia: le nostre indennità sono irrisorie

L’obiezione: «C’è chi prende 500 euro al mese, ma deve fronteggiare problemi e responsabilità»

Tanja Ariis
2 minuti di lettura

/ TOLMEZZO

Si stanno discutendo in Consiglio delle autonomie locali i ritocchi, ancora non decisi (ma già applicati a livello nazionale da due anni) alle indennità dei sindaci. In Carnia i primi cittadini in 19 casi guidano Comuni sotto i 1.000 abitanti, in 8 fino a 3.000 e in uno sui 10.000. Le cifre che percepiscono il più delle volte, evidenziano molti di loro, sono davvero basse.

Fare il sindaco in un paese della Carnia non è mai solo una questione di numero di abitanti (su di esso è tarata l’indennità), rilevano, ma va misurato sulla difficoltà a portare avanti territori ricchi di criticità, con molti anziani, esigenze diversificate e fragilità idrogeologiche importanti. Al sindaco bussano alla porta di giorno e di notte e il primo cittadino spesso è anche amministratore di sostegno. Il sindaco di Prato Carnico, Erica Gonano, di indennità riceve 640 euro netti al mese. Auspicherebbe almeno una tutela legale «perché ormai –afferma – qui tutto quello che succede è responsabilità del sindaco. Noi sindaci facciamo assicurazioni personali per tutelarci. Non è questione solo di cifre, un sindaco va valutato per quanto fa per la sua comunità. E nei nostri Comuni piccoli capita spesso che le strutture dirigenziali non ci siano e che il sindaco si assuma pure responsabilità come posizione organizzativa non retribuita. I costi della politica andrebbero spalmati in base alle responsabilità». Gonano, ma anche Daniele Ariis, sindaco di Raveo, e altri evidenziano di non aver mai chiesto rimborsi spese. Lui di indennità prende 500 euro al mese e osserva: «Con tutto il tempo e l’impegno che ci mettiamo e le responsabilità, le nostre indennità sono irrisorie. Non siamo dei privilegiati, ma umili manovali dell’amministrazione locale ogni giorno in prima linea per la nostra gente».

Laura Zanella percepisce come sindaco di Amaro 542 euro mensili. «Sono a disposizione 24 ore su 24, ogni giorno dell’anno – spiega–. Noi sindaci abbiamo il telefono sempre acceso. Mi è capitato più volte che mi chiamassero di notte. Non ho mai chiesto un rimborso. Sono stata amministratore di sostegno e mi sono presa a cuore le situazioni. Mi sono sempre pagata l’assicurazione. La nostra indennità di sindaci, paragonata ad altre, è bassa».

Anche il sindaco di Villa Santina, Domenico Giatti, indica le molte attività di cui si occupa per dare il meglio ai suoi cittadini in un comune così articolato. Percepisce 804 euro al mese e 750 euro l’anno se ne vanno per l’assicurazione. Lino Not, sindaco di Ovaro conferma le parole dei colleghi. Lui prende 951 euro, ma con la dichiarazione dei redditi sa già si decurterà di 100 euro al mese. Francesco Brollo, sindaco di Tolmezzo percepisce circa 2.450 euro, «sui quali però – segnala – io da partita Iva e giornalista devo pagarmi la pensione. Per me – afferma –non è ammissibile che un sindaco di un comune piccolo prenda solo 500-600 euro, con le responsabilità che si ritrova». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori