Dal biotestamento ai documenti d’identità tutte le pratiche online

Il 10 giugno partirà lo sportello telematico con oltre 150 funzioni L’accesso sarà possibile attraverso lo Spid e la Carta dei servizi

cervignano

Sta per entrare ufficialmente in funzione il nuovo sportello telematico polifunzionale del Comune di Cervignano. Un progetto innovativo, fortemente voluto dall’amministrazione, per semplificare ai cittadini l’iter delle pratiche burocratiche. Tramite un sistema di autenticazione con delle credenziali e delle password, attraverso lo Spid o tramite la Carta nazionale dei servizi (Cns), i cittadini, stando a casa e utilizzando semplicemente un cellulare oppure il computer, potranno fare quello che prima facevano andando obbligatoriamente di persona in Comune.


I nuovo servizio partirà il 10 giugno, subito dopo l’evento telematico che darà avvio a tutto il sistema e presenterà virtualmente al pubblico tutte le novità. Sono circa 150 le funzioni che potranno essere eseguite comodamente da casa, e sono state raggruppate in 20 campi “Alloggi Ater e housing sociale”, “Ambiente, paesaggio ed ecologia”, “Attività produttive”, “Comunicare con l’amministrazione”, “Edilizia e urbanistica”, “Gestione delle risorse umane” “Lavori pubblici e mobilità urbana”, “Occupazione, concorsi e assunzioni”, “Polizia locale”, “Protezione civile e volontariato”, “Segreteria generale”, “Servizi cimiteriali”, “Servizi demografici”, “Servizi scolastici e per l’infanzia”, “Servizi sociali”, “Tempo libero, sport e cultura”, “Tutela degli animali”, “Mettiamoci la faccia” e “Pratiche presentate”, queste ultime due riservate al gradimento del servizio e al conteggio degli atti. Tra le possibilità offerte e che promettono di attirare l’interesse dei cittadini, ci sono le richieste per la prima dotazione dei contenitori della raccolta differenziata e la rinuncia a questi ultimi in caso di cambio di residenza (il “porta a porta” a Cervignano è stato avviato a febbraio). Online anche la richiesta per esprimere il proprio voto in casa di riposo o in ospedale, la presentazione o il ritiro del biotestamento – disposizioni anticipate di trattamento (Dat) –, i certificati per la richiesta del riconoscimento della cittadinanza italiana, le iscrizioni all’albo per gli scrutatori, le domande per il passo carraio dinanzi al proprio cancello, le pratiche per i servizi di scuolabus, tutti gli eventuali rimborsi che il comune deve al cittadino, tutti i dati anagrafici, compresi l’avvio dei procedimenti di matrimonio, separazione, divorzio e molti altri.

Le possibili iniziali “diffidenze” sono già state messe in conto dall’amministrazione che fa sapere agli anziani e, in generale, a tutti i cittadini che hanno poca dimestichezza con la tecnologia, che potranno essere assistiti nell’avvio delle pratiche e che, in ogni caso, lo sportello telematico funzionerà in parallelo ai servizi tradizionali. —



Video del giorno

Napoli, il boss in Ferrari alla comunione del figlio

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi