Contenuto riservato agli abbonati

A Udine un’estate con 401 appuntamenti: l’elenco delle associazioni che hanno ricevuto i contributi dal Comune

UDINE. Dai concerti ai premi letterari, dal teatro al cinema all’aperto, da giochi per bambini alla danza. A partire da questo mese e fino a ottobre gli udinesi che restano in città avranno solo l’imbarazzo della scelta.

Perché un calendario così ricco di eventi, addirittura 401, assicura l’assessore alla Cultura, Fabrizio Cigolot, non era mai stato realizzato prima.

Merito delle tante associazioni che, dopo lo stop imposto dalla pandemia, non vedevano l’ora di partire. In 74 hanno presentato un progetto per ricevere un contributo dal Comune che, visto il gran numero di domande, ha deciso di aumentare i fondi a disposizione.

Nell’ultima seduta di giunta il budget disponibile è passato da 150 a 245 mila euro.

Fondi Cultura Contributi by Flavio Nanut

«Volevamo dare un segnale di attenzione a un settore che più di altri ha sofferto a causa dell’emergenza sanitaria - sottolinea Cigolot - anche perché sappiamo che molti lavoratori dello spettacolo si sono ritrovati senza lavoro e quindi ci sembrava giusto fare il possibile per aiutarli con la consapevolezza che quelli proposti sono appuntamenti di qualità che sapranno soddisfare i gusti di molti».

Delle 74 domande, 3 sono state scartate perché non rispondevano ai requisiti del bando.

«Le associazioni dovevano svolgere in via esclusiva o prevalente attività culturali», spiega Cigolot. Delle 71 rimaste, ne sono state finanziate 34.

«La decisione è stata presa dagli uffici (e poi avvallata dalla giunta, ndr) tenendo in considerazione i criteri indicati nel bando.

Ovviamente comprendo il rammarico di chi è rimasto escluso, ma da parte nostra abbiamo fatto il massimo anche grazie all’intervento degli sponsor (la Regione con Promoturismo la Fondazione Friuli e Amga-Hera) e accogliere tutte le proposte non era possibile. In ogni caso - aggiunge l’assessore - siamo comunque pronti a sostenere chi non riceverà il contributo fornendo gratuitamente i palchi che abbiamo già iniziato ad allestire».

Anche in quel caso con una novità. «Oltre a quello sul colle del castello, che sarà disponibile da fine giugno fino a fine agosto, e a quello in piazza Libertà che quest’anno sarà rivolto verso il monumento dedicato alla Pace di Campoformido - dice Cigolot - ci sarà anche la loggia del Lionello e, per la prima volta, una struttura coperta in piazza Venerio in modo da poter organizzare eventi anche in caso di mal tempo».

Gli uffici del Comune sono al lavoro per mettere a punto il calendario con tutti gli appuntamenti.

«Contiamo di poterlo presentare e distribuire entro il 22-23 del mese», precisa l’assessore che aggiunge: «Dobbiamo poi tenere presente che tante attività saranno svolte anche nei quartieri in accordo con i relativi consigli e con le parrocchie dove sarà organizzato un ciclo di concerti.

Inoltre, ci saranno anche festival ormai consolidati come Far east e Vicino lontano che proporranno tutta una serie di appuntamenti di grande interesse». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Tokyo2020, Draghi a Jacobs: "Non volevo disturbarti durante intervista, è colpa di Malagò"

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi