Ambiente servizi, slitta l’assemblea dei sindaci per un errore tecnico

Convocazione giunta in ritardo, rinviata la nomina del cda Il Pd sanvitese replica a Putto: reazione di tipo elettorale



Slitta all’ultimo momento l’assemblea dei soci di Ambiente servizi che avrebbe dovuto nominare il nuovo consiglio di amministrazione – dopo l’accordo trasversale raggiunto tra alcuni sindaci di centrodestra e altri di centrosinistra – e il regista dell’operazione, Antonio Di Bisceglie, incassa l’appoggio del Pd sanvitese.


L’assemblea di coordinamento intercomunale doveva svolgersi ieri pomeriggio, ma «a seguito delle verifiche effettuate», scrive il presidente Di Bisceglie, «è emerso un errore materiale talché le pec di convocazione non sono pervenute ai destinatari entro i termini previsti dalla convenzione».

Nessun intoppo dell’ultima ora, dunque, ma solo una questione tecnica che rischiava di invalidare l’assemblea. Sindaci riconvocati, dunque, per lunedì 28 giugno alle 17 nell’antico teatro sociale Arrigoni di San Vito al Tagliamento per la nomina di presidente e consiglieri della spa.

Come noto, al dimissionario Isaia Gasparotto dovrebbe succedere il presidente del Ponte Rosso Renato Mascherin, vice Stefano Bit (riconfermato dalla Lega), consiglieri Franca Tomè (riconfermato da Fdi), Lara Borin (preside del Kennedy di Pordenone indicata dal sindaco di Sacile, col placet di Lega e Forza Italia) e Francesco Francescut, indicato da Casarsa con l’ok degli industriali.

Intanto il Pd di San Vito sdogana l’operazione e col segretario Carlo Candido parla di «ottimo risultato». La scelta di Renato Mascherin «rappresenta una soluzione di alto profilo che garantisce ottime prospettive all’azienda e quindi a tutti i comuni soci. Parlano per Mascherin i risultati ottenuti nella propria carriera da manager». Alla presa di posizione del sindaco di Azzano Decimo Marco Putto replica con una «lettura di tipo elettorale. Ad essere scontento oggi è chi nel 2019 aveva provato a sostituire Gasparotto. Allora per centrare l’obiettivo, il sindaco di Azzano non si era preoccupato di valutare se quel tentativo, fatto contro San Vito, rompeva o no il fronte del centrosinistra». Che oggi «è ben rappresentato nel cda, esprime il presidente. Mascherin è stato infatti proposto per primo dal sindaco di San Vito, che mi risulta essere iscritto al Pd».

La stoccata del segretario dem: «A volte si rivendica l’autonomia dei sindaci, altre si fa appello agli schieramenti politici. Ambiente servizi è una grande società, bene che abbia una governance ampiamente rappresentativa dei soci. Quella individuata lo è e ci soddisfa». —



Video del giorno

Tokyo 2020, Federica Pellegrini scatenata su Instagram: ecco il suo balletto con Martina Carraro

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi