Udine, ultimati i lavori di riqualificazione per il Castello: la salita sarà illuminata da 37 lampioni

Ultimati i lavori di riqualificazione del percorso verso uno dei simboli della città. I punti luce in stile ottocentesco sono dotati di lampade a led a basso consumo

UDINE. L’ultimo tassello? L’installazione di 37 nuovi punti luce. Si sono conclusi ufficialmente con il taglio del nastro i lavori di rifacimento della salita del Castello. Un intervento che consentirà di valorizzare il percorso e garantire la sicurezza dei fruitori anche nelle ore notturne.

I lavori hanno riguardato gli scavi per le condutture elettriche e la fornitura e la posa dei 29 pali sulle salite al castello e di otto mensole collocate sul muro di sommità perimetrale sul lato piazza Primo Maggio, per un totale di 37 punti luce in stile Ottocento in uniformità a quelli già esistenti sul piazzale del Castello. Si sono utilizzate lampade a led a basso consumo, della potenza unitaria di 23 watt l’una per una potenza complessiva di 0,85 kilowatt.


L’importo complessivo dell’opera è di 180.200 euro, di cui 106.200 finanziati dal progetto “Look Up - La riscoperta del patrimonio artistico e religioso transfrontaliero in montagna” e finanziato nell'ambito del programma Interreg VA Italia-Austria 2014-2020.

Alla cerimonia di inaugurazione sono intervenuti il Sindaco Pietro Fontanini, l’assessore regionale alle infrastrutture e territorio Graziano Pizzimenti, il vicesindaco Loris Michelini, gli assessori Giulia Manzan, Maurizio Franz ed Elisa Asia Battaglia, la consigliera comunale e residente della Commissione cultura Elisabetta Marioni, Diego Radin, referente operativo per il Friuli Venezia Giulia di Hera Luce, e Lino Cardazzo, legale rappresentante dell’impresa Cardazzo, che ha effettuato i lavori.

«Dopo l’intervento di rifacimento della facciata e della scalinata del Castello da parte della Danieli e la manutenzione che è stata effettuata sul versante nord del colle – ha commentato il sindaco Fontanini – oggi compiamo un nuovo e importante passo nella valorizzazione di quello che è non solo un edificio di pregio dal punto di vista architettonico ma il simbolo stesso della città di Udine e della friulanità. Qui infatti si riuniva il Consiglio della Patria del Friuli, organo legislativo del Patriarcato di Aquileia e uno dei primi parlamenti d’Europa. Ringrazio i partner coinvolti nel progetto e le ditte che hanno effettuato i lavori per l’impegno e la professionalità dimostrati in questi mesi. Sono certo che non solo gli udinesi ma anche i molti turisti e appassionati d’arte che visitano la nostra città apprezzeranno questo intervento che riporta il versante orientale del Castello alla sua originaria centralità» «Sono felice – ha sottolineato l’assessore Pizzimenti – di partecipare all’inaugurazione di quest’opera che aumenta sia la sicurezza che la bellezza della nostra città. Un’opera che risulta anche utile e propedeutica a quelli che saranno i prossimi interventi per la valorizzazione del castello; mi riferisco alla realizzazione dell’ascensore per il quale la Regione, su mia proposta, ha già stanziato 2 milioni di euro e che di certo renderà questo luogo ancora più raggiungibile per tutti».

I partner di progetto (Congregazione Suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria – Vicenza, Bildungshaus Osttirol e Tourismusverband Osttirol – Austria) si sono dati l’obiettivo, attraverso l’individuazione e la promozione di punti di interesse culturale, storico, religioso e naturale presenti nell’area di competenza, di valorizzare la conservazione e fruizione dei beni promuovendo un turismo sostenibile e inclusivo, accessibile a tutti e rispettoso delle tradizioni locali.

Il Comune ha pensato inoltre di creare un percorso che unisca le chiese San Francesco, di Santa Maria in Castello e della Beata Vergine delle Grazie. In questo contesto si inserisce l’intervento infrastrutturale di illuminazione pubblica per valorizzare il sentiero che porta al Castello da piazza Primo Maggio che è stato presentato.

Video del giorno

Come mantenere i muscoli tonici: gli esercizi per rallentare la sarcopenia

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi