Contenuto riservato agli abbonati

Mascherina, quando è ancora obbligatorio usarla: le risposte alle domande più frequenti

Ecco la guida completa alle nuove regole dal prossimo 28 giugno quando terminerà l’obbligo di portarla sempre anche all’aperto

Dal prossimo lunedì 28 giugno è l’indicazione fornita ieri dal Cts: la data coincide con il passaggio in fascia bianca della Valle d’Aosta, l’ultima regione ancora in zona gialla. Spetterà ora al ministro della Salute Speranza o al governo nel suo insieme tradurre l’indicazione degli esperti in un atto normativo.

La fine dell’obbligo scatta in tutte le regioni?

Per ora sì, perché da lunedì tutta l’Italia sarà nella fascia bianca dove la mascherina all’aperto non è più obbligatoria, sia pure con le dovute eccezioni. Ma dove i contagi dovessero risalire al punto di riportare una regione in fascia gialla, o peggio in quelle arancione o rossa, la mascherina torna obbligatoria anche all’aperto. Un automatismo previsto per difendersi tempestivamente dagli eventuali effetti indesiderati della variante Delta.
 

Quando si cammina in strada o in un parco si può stare a volto scoperto?

Sì, purché non si stia a stretto contatto con altre persone che non siano conviventi.
 

Va indossata facendo la spesa al mercato?

Sì, se come è probabile camminando tra un banco e l’altro o in fila per pagare e ritirare il cibo acquistato non si riesce a mantenere il famoso metro di distanziamento.
 

E in coda alla banca o alla posta?

Va indossata anche all’esterno perché si crea comunque un assembramento che non consente di mantenere la distanza di sicurezza.
 

Se ne può fare a meno seduto all’aperto al bar o al ristorante?

All’aperitivo, così come a pranzo e a cena, si sta senza mascherina, sia mentre si mangia e beve che quando si conversa. Ma al momento di alzarsi per recarsi a pagare il conto o anche soltanto per andare alla toilette va di nuovo indossata.
 

In palestra trovandosi al chiuso va indossata?

Sì quando ci si sposta da una parte all’altra, fermo restando l’obbligo di mantenere il metro di distanziamento. Non si indossa mentre ci si allena, ma in questo caso la distanza di sicurezza da mantenere raddoppia a due metri. Negli spogliatoi si sta sempre con la mascherina su volto.
 

A casa di parenti o amici se ne può oramai fare a meno?

No, perché negli ambienti chiusi aumenta sempre e comunque il rischio di contagio. L’Ecdc, il Centro europeo per il controllo delle malattie, ha però chiarito che tra vaccinati, intendendosi per questi coloro che hanno fatto entrambe le dosi, della mascherina se ne può fare a meno anche al chiuso.

Video del giorno

A Trieste la proposta di matrimonio di Salvatore alla sua Carla nel linguaggio dei segni

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi