Contenuto riservato agli abbonati

Mittelfest Young, il lavoro di Martini e la bussola di Pier Paolo Pasolini nel viaggio tra passato e futuro

Martini, giovane attore di talento, misura il tempo della storia e lo spazio della scena muovendosi con delicatezza e pudore e mette in scena non solo le parole dell’autore di Casarsa, concrete e vive come non mai, ma la rivendicazione di una fragilità maschile che è la vera novità

CIVIDALE. Mittelyoung, il festival di quattro giorni dedicato agli artisti europei under30, si è concluso domenica con nove spettacoli selezionati tra 162 proposte che hanno messo in scena prosa, danza e musica della Mitteleuropa sotto il segno di Eredi, il tema scelto dal direttore artistico Giacomo Pedini per l’edizione 2021 di Mittelfest.

I volti sorridenti, emozionati, gli occhi lucidi e il sudore sulla fronte dei giovani artisti del teatro così duramente colpito dalla pandemia, sono quanto rimarrà più impresso negli occhi di chi, con altrettanta gioia ha assistito agli spettacoli messi in scena da un gruppo scelto di artisti capaci di portare sul palcoscenico visioni, conflitti e speranze del post pandemia e soprattutto storie intime.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi